DJI RSC 2, un gimbal pieghevole per fotocamere mirrorless

DJI Ronin

DJI è meglio conosciuto per i suoi droni, ma l’azienda non si limita a realizzare droni. La sua serie di gimbal Ronin è in circolazione da quasi altrettanto tempo e ha fatto molta strada nel design sin dalla prima generazione. L’ultimo DJI RSC 2 (€429) si piega per una più facile conservazione e trasporto e rimane abbastanza potente da funzionare con fotocamere mirrorless full frame.

Pieghevole per i viaggi

I vlogger di viaggio giramondo danno grande importanza all’ottenimento della migliore attrezzatura di qualità nel pacchetto più piccolo. Negli ultimi anni, abbiamo visto un sacco di attrezzature per fotocamere costruite pensando alla luce ma vi spiegheremo in questo articolo perché DJI RSC 2 è il miglior gimbal in circolazione, incominciando dalla batteria.

DJI RSC 2
DJI RSC 2

La batteria è interna e si ricarica tramite USB-C. DJI stima circa 14 ore di durata della batteria con una carica completa, sufficienti per il lavoro di localizzazione di tutto il giorno. Aspettati che la durata della batteria diminuisca nel tempo man mano che i cicli di ricarica si accumulano.

Spiegare e bilanciare

I più esperti di Gimbal avranno pochi problemi a far funzionare l’RSC 2, ma i nuovi utenti potrebbero imbattersi in alcuni ostacoli. Non c’è niente che non puoi superare: un problema è stato dispiegarlo accidentalmente all’indietro, quindi la fotocamera è scivolata nella piastra con l’orientamento sbagliato. Tieni il motore di inclinazione vicino al lato dell’impugnatura e assicurati che le porte di controllo USB-C siano rivolte in avanti e lo aprirai correttamente.


Non hai bisogno di strumenti per installare le cose, ma potresti voler tenere un cacciavite a portata di mano a prescindere. DJI utilizza viti a testa zigrinata sulle sue piastre di montaggio. La comodità è benvenuta, ma i piatti possono scivolare quando sono solo stretti con le dita. Un attento serraggio extra con un cacciavite a testa piatta risolve il problema.

Abbiamo testato il gimbal con un paio di fotocamere mirrorless, entrambi modelli full frame.

Una volta aperta correttamente, è necessario bilanciare la fotocamera. Per iniziare, collega la piastra di montaggio in due pezzi al corpo della fotocamera, installa il supporto della base dell’obiettivo e lavora per trovare il centro di gravità.


È necessario bilanciare lungo tre assi. Inizia facendo scorrere la piastra di montaggio avanti e indietro nella sua culla. Quando è centrata, la fotocamera non si muoverà affatto: se la piastra è troppo in avanti, il sistema sarà frontale e la fotocamera si inclinerà verso il basso e viceversa se è troppo indietro.

Il prossimo passo è inclinare la fotocamera verso l’alto e centrarla lungo il braccio verticale. Una grande vite ad alette d’argento allenta e stringe la guida di regolazione. Quando hai la fotocamera centrata su questi due assi, sarai in grado di inclinarla in qualsiasi posizione e mantenerla perfettamente in posizione: se c’è una deriva, qualcosa non va.

Ripeti il ​​​​processo per il terzo asse, quello che imposta la linea dell’orizzonte, e sarai a posto. Con un po’ di pratica diventa più facile, ma l’RSC 2 non è tollerante quando l’equilibrio è leggermente spostato.

Una piattaforma stabile

L’RSC 2 supporta una serie di modalità di stabilizzazione. Pan Follow è l’impostazione predefinita e quella che probabilmente utilizzerai per la maggior parte degli scatti. Consente all’asse di panoramica di seguire i tuoi movimenti, offrendo video che rimangono livellati e fluidi, proprio come otterresti da un drone. Se vuoi trasmettere più senso di movimento, passa al POV per ottenere uno sguardo in prima persona.

Entrambi funzionano a livello del torace o in modalità sottosopra, a terra. Quest’ultimo è utile per trasmettere un senso di movimento. In entrambe le modalità, l’RSC 2 fa un lavoro eccezionale appianando i miei passi irregolari, anche a velocità di jogging.

C’è anche una modalità Vortex, un rullo a 360 gradi per scatti rotanti e disorientanti. L’ho abbinato a una lente fish-eye per accentuare l’effetto. Puoi controllare tu stesso il rotolo usando la levetta o impostarlo per andare automaticamente.

C’è una certa integrazione con le fotocamere. Una porta USB-C si collega alle fotocamere compatibili in modo da poter modificare le impostazioni dall’impugnatura stessa del gimbal. C’è un pulsante di registrazione per avviare o interrompere l’acquisizione, nonché una rotella di controllo per impostare l’apertura dell’obiettivo. Una levetta è lì per eseguire la panoramica e inclinare la fotocamera.

Pulsante M


Il pulsante M passa tra le modalità di stabilizzazione e c’è un display OLED e un menu per modificare le impostazioni. Puoi anche modificare le impostazioni tramite un’app per smartphone, DJI Ronin, un download gratuito per dispositivi Android e iOS. Apre anche alcune modalità creative aggiuntive, tra cui la fotografia time-lapse con movimento e movimenti ripetuti e automatizzati della fotocamera per i video, che DJI chiama il monitoraggio manuale. È un download consigliato in quanto rende la configurazione un’esperienza visiva più intuitiva.

Accessori e componenti aggiuntivi per professionisti

È possibile aggiungere accessori a RSC 2 per ampliarne le funzionalità. Il gimbal supporta il follow focus potenziato per gli obiettivi manuali e funziona con il sistema di trasmissione wireless RavenEye di DJI per trasmettere un feed video in diretta dalla fotocamera all’app per smartphone Ronin.


Vale la pena aggiungere RavenEye se non si dispone di una buona soluzione per il monitoraggio dei video con la telecamera montata: se si utilizza un corpo con un display posteriore fisso, è un componente aggiuntivo quasi necessario se non si utilizza già un monitor esterno . Apre anche ActiveTrack come opzione nell’app, una modalità di riconoscimento del soggetto che sposta automaticamente il gimbal per seguire un soggetto identificato.

Se sei interessato alla funzionalità aggiuntiva, puoi aggiungere RavenEye in un secondo momento come opzione à la carte a € 59. Se desideri iniziare a correre con il kit completo, prendi in considerazione di iniziare con la combo RSC 2 Pro Combo da € 639, che include già RavenEye, piedini per treppiede più robusti, un kit di follow focus, un supporto per smartphone e una custodia per il trasporto con cerniera.

Il design pieghevole ci conquista

I creatori alla ricerca di una piattaforma di stabilizzazione portatile per registrare video 4K fluidi sono ben serviti con un gimbal. Il DJI RSC 2 ridimensiona la popolare serie Ronin dell’azienda, sia fisicamente che tramite un moniker abbreviato.

È anche una piattaforma eccezionalmente stabile. Raccoglierai vlog walk-and-talk portatili con un rimbalzo meno visibile di quello che otterrai da un solo sensore o obiettivo stabilizzato. Il controllo della fotocamera è disponibile per le fotocamere mirrorless utilizzate da YouTuber e vlogger e il design pieghevole lo rende un compagno di viaggio molto migliore rispetto a gimbal più grandi.

DJI RSC 2

Non è un prodotto perfetto. La batteria integrata è il più grande ostacolo per molti. Sarai sfortunato se esaurisci l’energia sul campo: la ricarica USB è disponibile, ma richiede più tempo rispetto alla sostituzione con un nuovo set. Bilanciare una telecamera non è complicato, è solo questione di spendere qualche minuto in più per assicurarsi che tutto sia impostato correttamente prima di iniziare a girare le riprese.

Related Posts

Leave a Reply