DJI Ronin-S, sistema di stabilizzazione gimbal

dji_ronin-s

Il DJI Ronin-S è il nuovo sistema di stabilizzazione della fotocamera di DJI, che distilla la tecnologia del più costoso Ronin-M, un sistema di stabilizzazione a due mani, in un modello più efficiente ad una sola mano venduto al dettaglio in due versioni, DJI Ronin S Essential Kit e DJI Ronin S Standard Kit.

Esistono altri gimbal con impugnatura singola meno costosi sul mercato, ma il Ronin-S si distingue grazie a una serie di funzioni, come la sua app di impostazione facile da usare e il suo motore del bilancio dell’asse del roll, che si trova in posizione abbassata dietro la fotocamera in modo da poter vedere più chiaramente il retro della fotocamera durante la ripresa. DJI dice anche che usa i motori più potenti mai utilizzati in un gimbal portatile.

Oltre alla stabilizzazione, Ronin-S si collega a una gamma di fotocamere popolari e consente diversi livelli di controllo, dall’avvio/arresto del video fino al controllo remoto della messa a fuoco e dello zoom.

Specifiche chiave

– Gimbal motorizzata a 3 assi
– Funzione di messa a punto automatica per la calibrazione rapida del gimbal
– 3,6 kg (7,9 libbre) di capacità di carico
– Manopola di messa a fuoco integrata
– Controllo remoto della videocamera (dipende dal modello)
– Pulsante per passare tra tre serie di impostazioni personalizzate
– Completamente configurabile tramite l’app per smartphone
– Durata della batteria di 12 ore

Come altri gimbal, il Ronin-S fornisce la stabilizzazione a tre assi utilizzando motori in grado di contrastare i movimenti della fotocamera, oltre a creare movimenti automatici (o guidati) di tracking e panning della telecamera. DJI ha recentemente rilasciato diversi accessori aggiuntivi per il Ronin-S, compresi oggetti utili come il motore di messa a fuoco per facilitare la messa a fuoco su obiettivi aggiuntivi.

Il gimbal è valutato per supportare fino a 3,6 kg (7,9 libbre), quasi lo stesso del Ronin-M, ed è in grado di bilanciare anche zoom di grandi dimensioni, tra cui la Canon EF 24-105mm f/4L IS II USM, la Nikon AF-S NIKKOR 28-300mm f/3.5-5.6G ED VR e la Sony E 18–200 mm F3.5–6.3 OSS LE.

In termini di controllo remoto della fotocamera, Ronin-S supporta diverse fotocamere di Canon, Panasonic, Nikon e Sony. Solo alcune combinazioni di fotocamere e obiettivi supportano le comunicazioni complete con la messa a fuoco, ma DJI continua ad aggiungere ulteriore supporto tramite gli aggiornamenti del firmware. Una lista in evoluzione di fotocamere e obiettivi compatibili può essere trovata sulla pagina di supporto del Ronin-S.

DJI fornisce anche una piastra di attacco scorrevole per montare la fotocamera sul gimbal, compatibile con la piastra a sgancio rapido Manfrotto 501PL, che consente di trasferire dal gimbal ad alcuni treppiedi senza smontare la fotocamera. Tuttavia, non è possibile utilizzare una piastra Manfrotto sul gimbal essendo la piastra di DJI proprietaria.

A causa delle dimensioni ridotte e delle prestazioni impressionanti, Ronin-S attira una varietà di utenti che vanno dai registi ai videografi di nozze.

Per coloro che non sono abituati a lavorare con un sistema di stabilizzazione, il Ronin-S può sembrare inizialmente scoraggiante, ma può fornire movimenti di camera dall’aspetto professionale con un’esperienza sorprendentemente piccola. La maggior parte dei fotografi che hanno bisogno di questo tipo di soluzione per il loro lavoro la considereranno un gioco da ragazzi rispetto a molte altre opzioni, e con un po’ di pratica anche i principianti saranno in grado di ottenere grandi risultati.

Con la pletora di kit di stabilizzazione disponibili sul mercato, DJI ha fatto un lavoro eccezionale nel mettere a punto il Ronin-S attraverso un’ingegnosa ingegnerizzazione e, soprattutto, ha potenziato i set di strumenti a un prezzo simile a molti altri kit di stabilizzazione molto più semplici. Movimenti più avanzati richiederanno un po’ di tempo per padroneggiare la programmazione, ma possono risultare in scatti di grande impatto visivo. Per coloro che sono principianti di gimbal e sistemi di stabilizzazione, DJI ha fatto un ottimo lavoro nel bilanciare la complessità del dispositivo con operazioni semplificate, pronte per l’uso, out of the box.

Leave a Reply