La pattuglia di Stato di Washington costruisce una flotta di 111 droni

dji_droni
dji matrice 200
Il sergente Clint Thomas, detective di Tacoma, detiene uno dei 111 droni della Washington State Patrol, un modello DJI Matrice 200.

Nel giro di pochi anni, la Pattuglia di Stato di Washington ha costruito una flotta di oltre 100 droni. All’ultimo controllo, la polizia di stato dell’Oregon ne aveva tre. La pattuglia di Washington afferma che i suoi piccoli quadricotteri vengono utilizzati per le indagini sugli incidenti, non per la sorveglianza.

Il sergente Clint Thomas, detective WSP, ha affermato che circa 100 soldati statali e investigatori di Washington sono ora addestrati a pilotare droni equipaggiati con telecamere, noti anche come UAV, veicoli aerei senza pilota.

Thomas ha affermato che la pattuglia ha acquisito 111 droni prodotti da DJI, alcuni dei quali sono modelli di fascia alta per i consumatori. Altri sono un modello di impresa commerciale più solido. Lo stato può migliorare e ampliare ulteriormente la propria flotta con una nuova infusione di denaro recentemente approvata dal legislatore statale.

Thomas ha affermato che la sua agenzia limita l’uso degli occhi pilotati a distanza nel cielo praticamente a un solo lavoro: documentare gravi incidenti e scene fatali.

“Stiamo facendo una grande differenza nel tempo impiegato per documentare quella scena e chiarire la strada”, ha detto Thomas in un’intervista a Tacoma martedì. “È un po’ più di lavoro sul back-end in ufficio per metterlo insieme attraverso il software, ma stai risparmiando un sacco di tempo fuori sulla strada. Questa era la forza trainante – per risparmiare tempo sulle autostrade, ottenendo quelle ripulite per far ripartire il traffico “.

Thomas ha detto che una scena compatta di collisione di due auto può essere mappata in dieci minuti con un drone DJI rispetto a mezz’ora o un’ora usando metodi tradizionali come un metro a nastro, segni di gesso o scanner laser.

dji drone
Schermata di un modello di scena di un crash 3D realizzato combinando più foto scattate da uno dei droni della pattuglia di stato.

Molti dipartimenti di polizia locali e la polizia di stato dell’Oregon dispiegano droni per una gamma più ampia di scopi, tra cui l’osservazione di sospetti armati, barricati e la ricerca e il salvataggio. Thomas ha spiegato che la Pattuglia di Stato di Washington sta deliberatamente adottando un approccio più limitato per “scendere con il piede giusto”.

Thomas ha detto che qualsiasi uso oltre alla collisione e alla mappatura della scena del crimine, come possibili dispiegamenti per assistere al monitoraggio degli incendi quest’estate, richiederà l’approvazione personale del capo della pattuglia di stato.

“Non siamo autorizzati a fare video o utilizzarli per la sorveglianza”, ha detto Thomas, elaborando le politiche scritte dell’agenzia. “Siamo molto severi nel modo in cui eseguiamo il nostro programma. In sostanza, stiamo solo facendo piccoli passi.”

Vista in un altro modo, la flotta di droni della Washington State Patrol sembra essere una delle più grandi, se non la più grande di gran lunga, di proprietà di un governo statale o locale in qualsiasi parte del paese. Uno studio sui droni di pubblica sicurezza pubblicato lo scorso anno dal Center for the Study of the Drone presso il Bard College ha identificato il dipartimento dello sceriffo della contea di Polk in Florida come il numero maggiore al momento del suo sondaggio. Il dipartimento di quello sceriffo gestiva 20 droni.

Ispettori della privacy come l’American Civil Liberties Union stanno monitorando attentamente il numero in rapido aumento di droni delle forze dell’ordine. La pattuglia dello Stato di Washington ha dichiarato di essersi consultata con il capitolo dello stato ACLU mentre sviluppava la sua politica sui droni a uso limitato.

Il direttore della tecnologia e della libertà di Washington della ACLU Shankar Narayan è stato critico nei confronti di alcuni dipartimenti di polizia della città per non avere abbastanza linee guida sufficienti per prevenire voli senza garanzia o mancanza di restrizioni sulla condivisione dei dati.

In un’intervista con la radio pubblica martedì, Narayan ha affermato che è necessaria una maggiore trasparenza sulla tecnologia di sorveglianza. Ha detto che è preoccupato per il “l’avanzamento lento delle missioni” poiché i droni hanno la capacità di raccogliere molte informazioni.

“Anche se la pattuglia dello Stato di Washington ha la migliore politica del mondo, una persona media non ha ricorso per farla rispettare”, ha detto Narayan.

Le leggi statali sui droni esistono in Oregon e Idaho, ma non nello stato di Washington, anche se non per mancanza di tentativi. Il legislatore di Washington e il governatore Jay Inslee non hanno visto negli occhi quanto sia permissivo o restrittivo essere, il che ha portato a Inslee a porre il veto a un disegno di legge per stabilire una politica sui droni per il governo dello stato nel 2014. Le singole agenzie stanno impostando le proprie politiche ora per permesso usi, protezione della privacy e conservazione dei dati.

Le legislature dell’Oregon e dell’Idaho hanno votato per richiedere un mandato per utilizzare un drone per la sorveglianza. La legislazione dell’Idaho prevede anche un divieto più ampio di fotografare o registrare su proprietà privata senza il consenso del proprietario.

Leave a Reply