Scelta di un drone per la fotografia di paesaggi

dji_panorama

Spesso ci concentriamo sulle funzionalità video dei droni, ma per quanto riguarda il loro uso per la fotografia dei paesaggi?

Spinti dall’eccellenza visionaria, i droni sono emersi come brillanti strumenti di regia per fotografi professionisti e hobbisti. Questo articolo identifica consigli per l’acquisto di droni, tecniche di ripresa e idee creative che contribuiranno a migliorare la tua fotografia dei paesaggi.

Impostazioni drone: fotografia dei paesaggi

I sensori della fotocamera contengono pixel che rilevano l’intensità della luce. Molti droni consumer sono dotati di sensori da 1/2,3 di pollice che sono in genere in grado di acquisire immagini da 12 megapixel.

fotografia panorami con droni dji

I sensori di fotocamere più grandi contengono più pixel che rappresentano una fotografia di paesaggio più dettagliata e sono particolarmente utili per la fotografia in condizioni di scarsa illuminazione.

Fortunatamente, abbiamo raggiunto un punto in cui la tecnologia avanzata è diventata più accessibile e i modelli di droni offrono ora una miriade di opzioni per i fotografi di paesaggi.

fotografia panorami con droni dji

DJI Mavic 2 Pro, ha una fotocamera Hasselblad L1D-20c dotata di un sensore da 1 pollice in grado di scattare immagini da 20 megapixel. L’obiettivo ha un campo visivo (FOV, Field of view) equivalente a 28 mm che fornisce un grandangolo adatto senza allontanarsi troppo dall’obiettivo ultra-grandangolare. Con il suo fattore di crop del sensore da 1 pollice, l’obiettivo ha una lunghezza focale effettiva di circa 10 mm, rendendolo adatto alla fotografia di paesaggi.

Quando decidi di acquistare un drone per la fotografia di paesaggi, devi essere consapevole delle concessioni che potresti dover fare. Le risoluzioni in pixel più grandi hanno alcune implicazioni per i registi. Una risoluzione di 12 megapixel è vicina alla risoluzione del video 4K. Ad esempio, con un rapporto di aspetto 3: 2, la risoluzione in pixel di DJI Spark è 3968 × 2976. La risoluzione del video 4K è 3840 × 2160, il che significa che la fotocamera può quasi leggere l’intera larghezza del sensore, con il risultato di un ritaglio minimo.

Tuttavia, con un sensore da 20 megapixel, stiamo osservando una risoluzione di 3: 2 pixel di 5472 × 3648. La fotocamera deve quindi ridursi a una risoluzione di 3840 × 2160 per i video 4K.

Metodi che ti consentono di raggiungere la risoluzione richiesta:

“Windowing” il sensore di immagine prende una sezione ritagliata di 3840 × 2160 dalla risoluzione 5472 × 3648;

“Line skipping” scarta le linee di risoluzione per raggiungere la risoluzione richiesta, che spesso si traduce in artefatti e qualità dell’immagine degradata;

“Pixel binning” è un processo che combina i valori del sensore durante il processo di demosaicizzazione ed è generalmente considerato una tecnica migliore rispetto al salto di linea;

“Sottocampionamento” implica il ricampionamento del segnale dell’immagine. I risultati possono variare in base al metodo e all’implementazione.

Windowing significa che il filmato non utilizza il campo visivo completo offerto dall’obiettivo. Il salto di linea, il binning di pixel o il sottocampionamento dell’output del sensore forniscono tutti un campo visivo completo, ma i risultati spesso soccombono a problemi di morbidezza, moiré e falsi colori.

DJI Mavic 2 Pro offre entrambe le modalità video HQ e FOV 4K. La modalità HQ prende una finestra del sensore e quindi ha un fattore di ritaglio, mentre il FOV registra l’intero campo visivo offerto dall’obiettivo, a scapito di alcuni dettagli più fini.

Se la fotografia di paesaggio è la ragione principale per acquistare un drone, dovresti concentrarti sui droni con sensori più grandi e risoluzioni di pixel maggiori. I sensori da 1 pollice offrono una buona qualità dell’immagine, mantenendo al contempo il peso e le dimensioni del drone.

Se sei più interessato alla flessibilità del video e le tue esigenze di fotografia sono secondarie, i droni con una risoluzione di 12 megapixel potrebbero essere più adatti alle tue esigenze.

Suggerimenti Drone: Fotografia di paesaggi

Integrazione app

Le app per drone ti consentono di personalizzare le impostazioni di fotografia del paesaggio e accedere alle informazioni chiave del volo.

fotografia panorami con droni dji

Queste app in genere consentono di scegliere tra le modalità di scatto come faresti con una fotocamera tradizionale, offrendo opzioni come completamente automatica, priorità di diaframma, priorità di otturatore e modalità manuale.

Composizione dello scatto

Un drone ti offre nuove possibilità creative e può cambiare completamente la tua prospettiva. Il miglior esempio è stato quando ho preso un drone a nord del Norfolk per catturare la costa. Normalmente, Norfolk è un’area molto piatta da fotografare, e spesso faccio fatica a trovare ispirazione per diverse composizioni.

fotografia panorami con droni dji

Un drone mi ha permesso di osservare le trame e gli schemi della costa dall’alto, che hanno drasticamente cambiato la mia percezione della costa di Norfolk. Attraverso le onde che si infrangono, le dune sabbiose e le paludi, queste interessanti composizioni hanno dato una nuova dimensione alla mia fotografia.

fotografia panorami con droni dji

Un altro vantaggio dell’utilizzo di un drone è che ti dà l’opportunità di visualizzare le aree più difficili da raggiungere.

Scattare immagini aeree con il tuo drone è un ottimo modo per ottenere una fotografia paesaggistica astratta. Di solito, non guarderei due volte le paludi, ma i loro piccoli ruscelli e solchi ora forniscono alcune composizioni ispiratrici.

fotografia panorami con droni dji

A volte non devi nemmeno far volare il drone ad alta quota; le altitudini inferiori offrono anche prospettive uniche come il riflesso del tramonto sulla superficie dell’acqua.

Panorami

I panorami di paesaggi sono un modo eccellente per arricchire la tua fotografia con i droni. Puoi utilizzare le modalità di ripresa panoramica automatica che posizionano automaticamente il drone e ti consentono di effettuare più scatti. È anche possibile riprendere immagini sferiche (360 × 180).

Tuttavia, preferisco scattare manualmente i panorami e scatterò spesso due o più righe per aumentare la risoluzione verticale. Questo può essere facilmente ottenuto spostando il drone a sinistra o a destra mentre si scatta, assicurandosi che vi sia una sovrapposizione tra il 20% e il 30% tra ciascuna immagine. I file JPEG o RAW risultanti possono essere quindi cuciti in post-produzione.

Se stai scattando con modalità panorama automatica, assicurati di ricontrollare il formato dell’immagine perché potrebbe tornare a un file JPEG. Si potrebbe anche voler salvare il panorama originale perché a volte solo il file cucito potrebbe essere scritto nella memoria.

Modalità di scatto e di volo

Tendo ad attenermi alla modalità di priorità di diaframma per mia comodità. La fotocamera determinerà automaticamente la velocità dell’otturatore e ISO, anche se ho disabilitato Auto ISO e specificato manualmente il valore ISO.

Il DJI Mavic 2 dispone anche di diverse modalità di volo intelligente come la modalità treppiede e la modalità sport. La modalità treppiede è un modo per ottenere immagini più nitide a tempi di posa più bassi. Con condizioni di vento adeguate, è possibile ottenere foto nitide fino a un’esposizione di un secondo. Ciò aiuta immensamente in situazioni di scarsa illuminazione dove l’unica alternativa è alzare gli ISO e compromettere la qualità dell’immagine.

fotografia panorami con droni dji

Supporto RAW

Avere un drone che riprende in RAW è una grande funzionalità per la fotografia dei paesaggi, dal momento che puoi sfruttare i dati completi del sensore anziché i JPEG compressi a 8 bit. Tutte le immagini di questo articolo sono state elaborate dalle loro controparti RAW, permettendomi di spingere ulteriormente i dettagli tonali senza creare bande e applicare una riduzione del rumore più avanzata. Qualunque cosa tu scelga di modificare, lo scatto in RAW (o addirittura RAW + JPEG) è altamente raccomandato.

La maggior parte dei droni scriverà file RAW nel formato DNG di Adobe, il che è fantastico perché è uno standard aperto ed è ampiamente supportato dal software di sviluppo RAW.

Messa a fuoco manuale

Mentre i droni possono utilizzare l’autofocus ragionevolmente bene, può confortarti sapere che hanno anche opzioni di messa a fuoco manuale e funzionalità aggiuntive per supportare questa scelta. Ciò include la possibilità di scegliere tra infinito e messa a fuoco ravvicinata, oltre al picco di messa a fuoco, che ti aiuta a verificare che lo scatto sia a fuoco. Essere in grado di cambiare la messa a fuoco sull’infinito è particolarmente utile nelle scene a basso contrasto in cui l’autofocus può avere difficoltà.

Nell’app DJI GO, è possibile impostare la Soglia di picco della messa a fuoco e io tendo ad impostarla su alta, che offre una tolleranza molto più sottile per evidenziare dettagli nitidi e fornisce una rappresentazione più accurata rispetto all’utilizzo di una soglia normale o bassa. In condizioni di scarsa luminosità, è talvolta più difficile vedere una soglia massima di picco, nel qual caso, in seguito, rivedrò le immagini utilizzando la funzione di riproduzione per controllare la nitidezza dell’immagine.

Bracketing dell’esposizione HDR

A volte la gamma dinamica di una scena può superare le capacità di un sensore della fotocamera; la fotografia paesaggistica con drone non fa eccezione a questo riguardo. Il bracketing dell’esposizione viene utilizzato per catturare l’intera gamma dinamica di una scena e può anche essere utilizzato per migliorare il rapporto segnale-rumore (SNR) unendo i pixel a diversi valori di esposizione per una maggiore precisione.

Il bracketing automatico dell’esposizione può essere eseguito all’interno dell’app nelle impostazioni della fotocamera del drone, ma potrebbe essere leggermente limitato. Ho potuto catturare solo cinque esposizioni con spaziatura 1EV, il che non era sufficiente per catturare le aree più luminose dei tramonti che stavo cercando di fotografare. Per aggirare questo problema, sono passato alla modalità manuale e ho regolato la velocità dell’otturatore per catturare una gamma di esposizioni, che avrei poi potuto unire in HDR in post-produzione. È una buona idea passare il drone alla modalità treppiede per mantenerlo fermo tra gli scatti in modo da richiedere un allineamento minimo dell’immagine.

fotografia panorami con droni dji

Conclusione

I droni sono sempre stati una proposta entusiasmante e la tecnologia si sta muovendo a un ritmo così rapido da diventare sempre più attraente per i fotografi di paesaggi che hanno standard tecnici sfidanti. La combinazione di sensori più grandi, numero di megapixel elevati e supporto RAW (insieme al controllo sui parametri di scatto) ci hanno portato in una nuova era per la fotografia di paesaggi.

Leave a Reply