Recensione DJI Mavic Mini – Sarà valido per riprese professionali?

dji_mavic_mini

DJI ha appena annunciato il Mavic Mini, il drone pieghevole più piccolo e leggero che abbia mai realizzato, di soli 249 grammi con la batteria, che lo qualifica come un giocattolo in molti paesi. L’abbiamo già testato: è abbastanza buono per i registi professionisti?

Il Mavic Mini pesa solo 249 grammi – Perché è importante?

L’ultimo ingresso di DJI nella linea di droni Mavic è il Mavic Mini, il drone pieghevole più leggero e più piccolo che abbia mai realizzato. Con 249 grammi compresa la batteria, è inferiore al minimo di 250 grammi, il che in molti paesi significa che è in realtà definito un giocattolo, non un drone, quindi non hai bisogno di una licenza o di un permesso per volare. Tuttavia, le normative sui droni sono complesse e diverse in tutto il mondo, quindi assicurati di rispettare sempre le normative locali!

dji mavic mini custodia

Cosa c’è dentro la scatola?

Nel pacchetto Mavic Mini Fly More Combo, il drone viene fornito in una bella custodia, con tre batterie che ti offrono circa 30 minuti di volo ciascuna, e ovviamente il radiocomando e più cavi accessori ed eliche di ricambio. Il portabatteria è anche un caricabatterie molto compatto, il che è comodo, inoltre puoi usarlo per caricare il tuo telefono tramite il connettore USB.

mavic mini caricabatterie

Quanto è facile pilotare Mavic Mini?

Ho fatto un giro sul Mavic Mini per vedere quanto è facile volare e come appare il filmato. E come qualcuno che ha pilotato ogni singolo drone della linea Mavic nel corso degli anni, devo dire che sono stato piacevolmente sorpreso da quanto sia facile e stabile in volo, anche in una giornata un po’ ventosa. Sembra davvero un drone per principianti perfetto da come ci si sente quando lo si utilizza. È molto difficile da descrivere, ma si sente molto “sicuro” nell’aria, anche più degli altri droni Mavic, il che è certamente a causa della minore inerzia dovuta al peso molto ridotto.

Modalità di volo

Esiste una modalità Posizione (P) che aiuterà i principianti con le operazioni di base del drone, la tipica modalità Sport (S) per un funzionamento più avanzato e una nuova modalità CineSmooth (C) che allunga il tempo di frenata del drone per scatti più fluidi e filmati cinematografici.

mavic mini riprese cinematografiche

Interfaccia e funzioni dell’operatore semplificate

Se hai già pilotato un Mavic in precedenza, avrai molta familiarità con l’interfaccia. L’unica differenza è che è molto più semplice dell’interfaccia del Mavic 2 Pro di fascia alta. Per divertimento, ci sono i QuickShots che sono stati introdotti per la prima volta con il Mavic Air, che possono creare interessanti movimenti pre-programmati dall’aspetto professionale intorno ai tuoi soggetti.

A parte questo, hai le informazioni più importanti di fronte a te, ma poche possibilità di influenzare effettivamente la tua immagine.

Compressione e risoluzioni di immagini video

Puoi girare video solo in 1080p o 2.7K 25p o 30p con il Mavic Mini e scattare foto con 12 megapixel. Il video è anche altamente compresso con un bitrate massimo di 40 Mbps – ed è solo H.264, non H.265 come nel Mavic 2 Pro.

mavic mini foto

Nessun profilo, solo otturatore automatico: per ora

Inoltre, non è possibile modificare l’immagine video nella fotocamera. Non esiste un D-Log o qualsiasi altro tipo di profilo immagine o un modo per cambiare o ottimizzare l’immagine – nessuna impostazione di nitidezza, nemmeno il controllo del bilanciamento del bianco – che, sfortunatamente, naturalmente, si traduce in strani cambiamenti di colore quando la luce cambia nel tuo scatto.

Ora, tutte queste cose sarebbero accettabili anche per un professionista se consideri che questo drone è venduto ad un prezzo di soli 399 euro nel suo pacchetto base. Tuttavia, una cosa che è davvero fastidiosa per me è il fatto che nella versione che ho testato, non è possibile impostare manualmente la velocità dell’otturatore in modalità video. Regola sempre la tua esposizione. Ciò significa che ovviamente ci saranno parti sovraesposte della tua immagine in scenari ad alto contrasto. Tuttavia, nelle scene normali, l’otturatore automatico fa un buon lavoro nel regolare dinamicamente in modo da non vederlo troppo male nella tua ripresa, ma non è necessario imporre questa regolazione automatica agli utenti.

Soprattutto se si considera che solo in modalità foto, è possibile passare alla velocità dell’otturatore manuale per qualche motivo. Questo è qualcosa che DJI potrebbe risolvere immediatamente con un semplice aggiornamento del firmware.

mavic mini radiocomando

Conclusione – Immagine straordinariamente vivida che considera la compressione

Oltre a ciò, l’immagine è piuttosto impressionante considerando la sua alta compressione. Sì, ha un aspetto troppo nitido a cui ci siamo abituati dai filmati del Mavic Pro di prima generazione, e i dettagli fini continuano a sfaldarsi se c’è troppo da fare in uno scatto, ma come un risultato unico girato anche in un documentario professionale, le riprese del Mavic Mini sono certamente più che tollerabili, e in realtà piuttosto sorprendenti, per un drone che costa solo 399 euro.

Mavic Mini è un “giocattolo”? Polemica assicurata…

E considerando che questa cosa può probabilmente volare legalmente dove tutti gli altri droni non possono senza autorizzazione, sarà un gioco da ragazzi per molti operatori video avere una di quelle meraviglie di droni super leggeri sempre nella loro borsa con sé. Mi aspetto di vedere molte polemiche sul limite di peso che spunterà presto poiché il Mavic Mini si presenterà sicuramente molto anche nelle città di tutto il mondo, nel bene e nel male. Mi aspetto che questo diventi il ​​drone più popolare di DJI fino ad oggi, anche più del drone Spark di livello amatoriale.