Quale sarà il prossimo drone DJI?

nuovi_droni_dji

Un’intervista con un Senior Product Manager

In che modo DJI è diventato il principale produttore al mondo di droni consumer? Iniziando da zero.

DJI non è sempre stata la compagnia sinonimo di droni consumer. Solo dopo anni di produzione e collaudo di sistemi aerei, superando i limiti del volo intelligente e dando la priorità a un’esperienza utente eccellente e sicura, DJI ha potuto creare prodotti come Phantom, Mavic e Osmo. Ma dietro ogni grande prodotto c’è una squadra con instancabile ricerca di migliorare sempre.

Allora, qual è il team che sta perseguendo in questo momento? Qual è il prossimo drone DJI? Prima che possiamo dirlo, il Senior Product Manager Paul Pan offre le sue idee su come l’azienda arriva lì. Dopo sei anni in DJI, Paul condivide l’evoluzione dei prodotti DJI, le considerazioni che il team fa nello sviluppo e le sfide più grandi che hanno dovuto superare.

Alla guida dell’evoluzione dei droni

Solo guardando dai primi prodotti di DJI come il Phantom al pieghevole Mavic, i droni sono diventati sempre più piccoli. Era questo il piano per tutto il tempo?

Non si tratta soltanto della ricerca di come fare i droni più piccoli… è più su come farli più convenienti per gli utenti.

Da oggetto per hobbysti a strumento giornaliero

Anni fa, i droni aerei consistevano in telecamere normali montate su un quadricottero. Più tardi, gli hobbisti hanno costruito da zero il loro drone dedicato. Realizzando una telecamera aerea pronta al volo che chiunque possa imparare a operare in sicurezza, Paul e il suo team hanno contribuito a rendere i droni accessibili a tutti.

Siamo esperti nel prendere qualcosa di avanzato e ridurlo a qualcosa che ogni consumatore può utilizzare.

Spingendo i limiti, un drone alla volta

Cosa è considerato per il prossimo drone? In poche parole: come possiamo migliorare ciò che abbiamo fatto prima. Dal processo di brainstorming, Paul e i suoi colleghi cercano di pensare a come possono spingere ulteriormente le funzionalità del drone e se la tecnologia attuale può supportarlo o se è meglio salvarlo per il futuro.

Abbiamo pianificato QuickShots come Orbit anche prima del Phantom 3… ma il drone stesso era abbastanza intelligente per vedere il mondo.

Killer di progetti

Paul e il suo team non sono estranei alle sfide. Alcune possono essere così essenziali da poter cancellare un intero progetto. In effetti, l’Inspire stava per essere un drone che non sarebbe mai stato.

L’Inspire stava per essere cancellato. Stavamo in riunione e stavamo pensando: “Forse è meglio annullare questo progetto perché non siamo in grado di risolvere questo problema”.

Sei anni hanno fornito a Paul un sacco di tempo per vedere un’azienda in costante evoluzione. Lui e il suo team hanno affrontato nuove sfide, sviluppato nuovi concetti e raggiunto un certo fallimento. Ma nella sua esperienza, l’evoluzione è un processo, trasformando l’impossibile in qualcosa di reale. E dopo averlo condiviso con il mondo, il passo successivo è ricominciare da capo e vedere quali sono le prospettive future.