Perché i droni sono un buon investimento per le aziende AEC

aec_droni_dji

L’appaltatore generale Hensel Phelps sta spingendo i confini dei droni in costruzione

Uno dei più grandi appaltatori generali negli Stati Uniti, Hensel Phelps, ha assistito a efficienze senza precedenti con il suo programma interno di droni.

Un cantiere è come un mondo a sé stante. In un dato giorno, potresti trovare un project manager che assume o gestisce subappaltatori, prepara un rapporto di bilancio, ispeziona un’installazione impropria, monitora la sicurezza dei lavoratori o fa tutto quanto sopra. Allo stesso tempo, il direttore della costruzione deve tenere informati più team, in particolare le parti interessate fuori sede, su ogni livello di avanzamento del sito. Quindi, non sorprende vedere i pionieri della costruzione in tutto il mondo sfruttare innovazioni come i droni per navigare in progetti grandi e complessi.

I veicoli aerei senza pilota (UAV), ovvero i droni, stanno contribuendo a trasformare l’intero ciclo di vita del progetto nel settore dell’architettura, dell’ingegneria e delle costruzioni (AEC). La prospettiva “dall’alto verso il basso” fornita dai droni si è rivelata fondamentale per semplificare i flussi di lavoro di progettazione e costruzione virtuali. Allo stesso tempo, l’accesso a dati visivi accurati, aggiornati e dettagliati consente alle aziende di ottenere visibilità del progetto a un livello senza precedenti.

Dalla conduzione di indagini sul terreno e misurazione del movimento di terra al monitoraggio delle attrezzature e della produttività, i droni non solo si stanno dimostrando inestimabili sul campo, ma stanno anche dando agli appaltatori il potere di prendere decisioni chiave con maggiore sicurezza. Con fotografie aeree ad alta risoluzione, video e mappe disponibili su richiesta, i giganti dell’edilizia possono pianificare e gestire progetti su larga scala con maggiore efficienza. E possono farlo con molto meno tempo e denaro, come Hensel Phelps ha capito subito.

La necessità di una soluzione migliore

Hensel Phelps è uno dei maggiori appaltatori generali e direttori di costruzione negli Stati Uniti. Fondata nel 1937, l’azienda è sempre alla ricerca di creare nuove efficienze sfruttando le tecnologie emergenti.

Hensel Phelps ha iniziato a contemplare l’uso dei droni nel 2010, principalmente nel tentativo di portare una consapevolezza della situazione più rapida e migliore nei propri cantieri. “Rivolgersi a diversi settori di mercato attraverso i nostri nove uffici distrettuali significa che abbiamo più di 30 cantieri attivi in ​​un dato momento”, spiega Richard Lopez, Virtual Design and Construction Manager di Hensel Phelps.

“In genere, assumevamo un fotografo aereo per il lavoro. Ma a parte il fatto che si tratta di una soluzione estremamente costosa, siamo costretti a fare affidamento sulla loro configurazione, che potrebbe essere una persona appesa al finestrino di un aereo a bassa quota e che scatta foto da una comune fotocamera Reflex”.

Hensel Phelps si rese conto di aver bisogno di più dati a una risoluzione migliore. “Quindi, quando sono stati introdotti i droni, abbiamo capito subito che sarebbero stati gli strumenti perfetti per i nostri cantieri”, afferma Lopez, che faceva parte del team che ha aperto la strada al programma per droni di Hensel Phelps. “Potremmo usare i droni per creare ortomosaici e video per una migliore pianificazione, gestione e monitoraggio del sito. In siti di grandi dimensioni, potremmo facilmente identificare zone strategiche come aree di stesa o file di consegna. Potremmo persino acquisire foto sull’avanzamento del sito per i proprietari del progetto, accelerando il processo di approvazione delle spese da parte di investitori e istituzioni finanziarie”.

droni in cantiere

Programma drone interno con priorità alla sicurezza

Con una “cultura della sicurezza zero incidenti” radicata in tutta l’organizzazione, qualsiasi nuova tecnologia introdotta a Hensel Phelps deve essere modellata sul suo programma di sicurezza. E i droni non hanno fatto eccezione. “Avevamo bisogno di droni affidabili dotati di sensori di rilevamento degli ostacoli e di prevenzione delle collisioni, e ne avevamo bisogno a un prezzo ragionevole”, ricorda Lopez. “Con la loro attenzione alla sicurezza che rispecchia fortemente la nostra, DJI è diventata presto la scelta più ovvia per il nostro programma di droni.”

Tuttavia, per distribuire effettivamente le unità sul campo e per ampliare il programma a livello aziendale, Hensel Phelps necessitava di protocolli efficaci. “Abbiamo creato liste di controllo, procedure e programmi di manutenzione per ogni parte dell’attrezzatura. Abbiamo sviluppato mappe delle zone dei droni e identificato i siti di atterraggio di emergenza. Abbiamo collaborato con revisori dei conti e avvocati per accertarci che stessimo seguendo tutte le norme e i regolamenti stabiliti dalla Federal Aviation Administration (FAA) e facendo tutto in modo sicuro”, dice Lopez.

Se la tecnologia dei droni debba essere sfruttata o meno in un sito è una decisione che il team prende nelle riunioni preliminari dopo aver ricevuto un progetto. Una volta identificati e stabiliti i requisiti specifici, viene individuato l’hardware ottimale.

“Il punto che cerco di far capire a tutti i membri del team è che quando costruiamo un edificio, abbiamo diversi strumenti a nostra disposizione. Allo stesso modo, sono disponibili diversi droni per diverse applicazioni. Quindi, se si tratta di un sito di grandi dimensioni in cui scaveremo per un periodo prolungato, un Phantom 4 RTK diventa la nostra arma preferita a causa della sua elevata precisione. Se lo stesso progetto richiede la termografia prima del completamento, facciamo spazio nel budget per un altro drone specializzato”, spiega Lopez.

dji phantom 4 rtk
Il DJI Phantom 4 RTK offre una maggiore efficienza e precisione di rilevamento del sito

Dopodiché, è solo questione di identificare e addestrare i piloti e far loro sapere con quale frequenza sono richiesti i risultati finali. Ma quando la sicurezza è una priorità assoluta, ogni giorno può portare una nuova lezione. “Una volta, c’era un drone hobbista illegale che volava incautamente intorno al nostro sito di lavoro, e presto abbiamo ricevuto un sacco di telefonate dai proprietari di edifici vicini che chiedevano perché eravamo così irresponsabili. Anche se non era il nostro drone, ci siamo resi conto che avevamo bisogno di un protocollo per fare il check-in con gli occupanti dell’edificio circostante e far loro conoscere le nostre procedure”.

Il programma di droni interno di Hensel Phelps si stava rapidamente dimostrando un successo, ma la domanda proveniente da vari siti di lavoro era ancora più rapida. L’azienda ha deciso di utilizzare una manciata di fornitori di servizi di droni di terze parti, mentre allo stesso tempo ha ampliato il proprio programma di droni per garantire che tutti i protocolli di sicurezza fossero rigorosamente rispettati.

Oggi, Hensel Phelps ha il proprio inventario di 22 droni e quasi 30 operatori UAV interni. “Abbiamo identificato i capi piloti in ogni distretto, che poi hanno la propria squadra di piloti da supervisionare. Anche se utilizziamo un consulente di terze parti in un sito, questi capi pilota agiscono come i nostri portavoce e assicurano che ogni protocollo venga rispettato”.

Superare i confini dell’uso dei droni nella costruzione

La cultura della sicurezza di Hensel Phelps e il programma di droni interno gestito con cura si sono già dimostrati determinanti nell’assicurare all’azienda una monumentale eccezione FAA a sorvolare gli esseri umani. “Questa approvazione è stata preziosa perché significava che non dovevamo più limitarci a volare la mattina presto o nel tardo pomeriggio o nei fine settimana quando i siti non sono attivi”, sorride Lopez.

Ma si affretta anche a sottolineare che l’azienda è abbastanza specifica su quando e perché viene utilizzata tale eccezione. “Poiché il nostro obiettivo è evitare il più possibile di sorvolare le persone, ci assicuriamo di informare in anticipo tutti i dipendenti e i subappaltatori. Non vogliamo interrompere nessuno dei loro flussi di lavoro”.

Come uno dei primi ad adottare i droni nella costruzione, Hensel Phelps riconosce apertamente che l’utilizzo di questa tecnologia ha portato l’organizzazione a un nuovo livello. Lopez racconta un primo caso d’uso in cui il valore dei droni è diventato fin troppo evidente per l’azienda.

“Per un’ispezione esterna di un edificio di 15 piani, tradizionalmente avremmo speso molti soldi per assumere lavoratori per installare le impalcature e poi la squadra di ispezione avrebbe svolto il proprio lavoro; ci sarebbero volute settimane. Ma, una volta armati di droni, ci sono volute solo 4 ore per completare il volo, 8 ore per elaborare i dati e altre 4 ore per analizzarli. Era incredibile quanto velocemente potessimo finire quell’ispezione!”

Ora, dopo aver utilizzato i dati dei droni per una varietà di scopi, tra cui la pianificazione del sito, l’ispezione del sito, l’ispezione degli edifici e la sorveglianza della sicurezza, Hensel Phelps si sta preparando a portare la tecnologia al livello successivo con l’apprendimento automatico e l’analisi predittiva. “Considerato tutti i dati aerei che raccogliamo continuamente, possiamo analizzarli per ottenere informazioni che ci consentano di costruire un edificio migliore e assicurarci che i nostri equipaggi si comportino ai massimi livelli di sicurezza”, afferma Lopez.

Gli abbiamo chiesto se ha qualche consiglio per altre aziende del settore AEC che stanno cercando di avviare o far crescere un programma di droni interno, e Lopez riassume così:

  • Identifica le tue esigenze e verifica quale valore vuoi che i droni apportino alla tua azienda. E poi, attieniti ai tuoi obiettivi.
  • Acquista l’hardware in base alle tue esigenze. Il più grande drone potrebbe non essere il migliore.
  • Fai della sicurezza la tua priorità numero 1 e segui tutte le normative. Non essere la persona che infrange le regole e danneggia l’intero settore.
  • Fornisci ai tuoi piloti la formazione e le risorse di cui hanno bisogno per ottenere una licenza commerciale per droni.
  • Disporre di un sistema per tenere traccia e documentare le ore di registro del pilota e tutte le attività di manutenzione.