Mimetizzato, il drone travestito da colibrì cattura il volo delle farfalle

drone-hummingbird

La serie americana della PBS “Nature Spy in the Wild” ha catturato per i suoi spettatori alcuni incredibili primi piani di fauna selvatica come non si era riusciti a fare prima. Addirittura, in un episodio ha utilizzato un drone “travestito” da colibrì per filmare un gruppo di 500 milioni di farfalle in Messico.

All’inizio del video, pubblicato sul canale YouTube di PBS, le farfalle sono tutte riunite in blocco per scaldarsi. Sono infatti appena migrate dal Canada e rimarranno in Messico per tutto l’inverno, nutrendosi di linfa e muovendosi il minimo necessario così da risparmiare energia.

Le farfalle, con le loro ali gialle e arancioni, ricoprono gli alberi in modo così fitto che le ali stesse sembrano foglie in un paesaggio autunnale.

I registi hanno scelto un colibrì come drone “spia” perché è un animale che in questi boschi non rappresenta un pericolo per le farfalle. Per non rischiare di danneggiare qualche farfalla, la troupe cinematografica ha montato una rete sopra le eliche, incastrandola nelle ali del finto uccellino, così da evitare di danneggiare i piccoli animali. Il filmato mostra persino alcune farfalle posarsi tranquillamente sulle sue ali, cosa che non avrebbero di certo potuto fare con un vero colibrì.

Gran parte di questo video è girato chiaramente con una fotocamera secondaria per mostrare sia le farfalle che il drone che vola tra di loro.


Il drone travestito da colibrì che vola insieme alle farfalle.

Ma a un certo punto accade qualcosa di straordinario. Nel video, quando la temperatura aumenta fino a 10° C, si vede che le farfalle prendono vita. Le ali iniziano a muoversi, all’inizio lentamente, poi sempre più velocemente. In seguito, le farfalle prendono il volo, prima in piccoli gruppi e poi in milioni di esemplari. In un primo momento, sembra che gli alberi autunnali stiano perdendo tutte le foglie contemporaneamente. Uno spettacolo della natura!

Questo è solo uno dei tantissimi utilizzi che si possono fare del drone. Offre una vista a volo d’uccello, arriva in posti ai quali noi non ci possiamo neanche avvicinare, e cattura anche incredibili primi piani che mostrano le farfalle come se fossero a pochi centimetri dai nostri occhi.

Anche tu vuoi fare il colibrì?

Se anche tu vuoi sentirti protagonista, perché non provi Osmo Pocket?

Si tratta della più piccola fotocamera portatile stabilizzata a 3 assi che DJI abbia mai realizzato. Adattandosi ai tuoi movimenti, con la sua impugnatura ergonomica e antiscivolo ti permetterà di riprendere da vicino tutto ciò che desideri: diventerai regista indiscusso delle tue giornate.

dji osmo pocket
DJI Osmo Pocket