La FAA rilascia la nuova regola per ID remoto dei droni

faa

Come previsto, la FAA ha rilasciato la sua regola finale per ID remoto dei droni e per le operazioni sulle persone. Tutti i droni registrati presso la FAA e tutti i droni sotto i 250 grammi coinvolti in lavori commerciali ai sensi della Parte 107, devono avere la capacità di trasmettere il loro ID in futuro.

Si è parlato molto di ID remoto nello spazio dei droni negli ultimi due anni. Il concetto è abbastanza semplice: i droni trasmettono una sorta di identificazione – pensatela come una targa – a cui possono accedere le autorità aeronautiche e le forze dell’ordine. L’obiettivo è mantenere lo spazio aereo sicuro assicurando che coloro che sono incaricati di controllare lo spazio aereo per gli aeromobili con equipaggio sappiano dove si trovano i droni. Offre anche un altro strumento nei casi in cui qualcuno sta volando illegalmente.

Diamo uno sguardo più da vicino.

Il riepilogo esecutivo

Ci sono molte informazioni e utilizzo di linguaggio legale. Se desideri esaminare tutto ciò, puoi trovare la regola finale per l’ID remoto qui.

Ma per rendere le cose più semplici, traduciamo di seguito il riepilogo esecutivo della FAA. Ci sono molte implicazioni qui, sia per i piloti che per i produttori.

Ecco il riepilogo, letteralmente:

Riepilogo esecutivo, Regola finale sull’identificazione a distanza di velivoli senza pilota (Parte 89) 28 dicembre 2020

La regola finale per l’identificazione remota degli aeromobili senza pilota è il prossimo passo incrementale verso l’ulteriore integrazione degli aeromobili senza pilota (UA) nel sistema dello spazio aereo nazionale. Nella sua forma più elementare, l’identificazione remota può essere descritta come una “targa digitale” per UA. L’ID remoto è necessario per affrontare i problemi di sicurezza e protezione dell’aviazione riguardanti le operazioni UA nel sistema dello spazio aereo nazionale ed è un elemento essenziale per consentire in sicurezza operazioni UA più complesse.

La norma finale stabilisce una nuova parte 89 nel titolo 14 del Code of Federal Regulations. Il regolamento finale è stato inviato all’Office of the Federal Register e diventerà effettivo 60 giorni dopo la data di pubblicazione nel Federal Register. La pubblicazione è prevista per gennaio 2021. I tempi di conformità e le principali disposizioni sono riassunti di seguito.

Regole operative

Secondo la regola finale, tutti gli UA richiesti per la registrazione devono identificarsi a distanza e gli operatori hanno tre opzioni (descritte di seguito) per soddisfare questo requisito. Per UA che pesano 0,55 libbre o meno, l’identificazione remota è richiesta solo se l’UA funziona secondo regole che richiedono la registrazione, come la parte 107. Le regole operative entrano in vigore 30 mesi dopo la data di entrata in vigore della regola.

  1. Aeromobile senza pilota con ID remoto standard:
  • Trasmette messaggi ID remoti direttamente dall’UA tramite trasmissione in radiofrequenza (probabilmente tecnologia Wi-Fi o Bluetooth) e la trasmissione sarà compatibile con i dispositivi wireless personali esistenti.
  • Il messaggio di ID remoto standard include: ID UA (numero di serie di UA o ID sessione), latitudine/longitudine, altitudine e velocità di UA; latitudine/longitudine e altitudine del radiocomando; stato di emergenza; e data/orario.
  • Il messaggio ID remoto sarà disponibile per la maggior parte dei dispositivi wireless personali entro la portata della trasmissione; tuttavia, la correlazione del numero di serie o dell’ID di sessione con il database di registrazione sarà limitata alla FAA e potrà essere messa a disposizione delle forze dell’ordine autorizzate e del personale di sicurezza nazionale su richiesta.
  • La portata della trasmissione dell’ID remoto può variare, poiché ogni UA deve essere progettato per massimizzare la portata alla quale la trasmissione può essere ricevuta.

2. UA con modulo di trasmissione ID remoto:

  • Il modulo di trasmissione può essere un dispositivo separato collegato a un velivolo senza pilota o una caratteristica incorporata nel velivolo.
  • Consente il retrofit per UA esistente e il numero di serie del modulo Broadcast deve essere inserito nel record di registrazione per il velivolo senza pilota.
  • Il messaggio Broadcast Module Remote ID include: numero di serie del modulo, latitudine/longitudine, altitudine e velocità di UA; latitudine/longitudine e altitudine del punto di decollo e indicazione di data/ora.
  • UA che si identifica a distanza con un modulo di trasmissione deve essere sempre utilizzato entro la linea visiva.
  • Modulo di trasmissione per trasmettere tramite radiofrequenza (probabilmente Wi-Fi o tecnologia Bluetooth).
  • Compatibilità con i dispositivi wireless personali e portata del messaggio del modulo di trasmissione ID remoto simile a UA ID remoto standard (vedere sopra).

Aree di identificazione riconosciute dalla FAA (FRIA):

  • Aree geografiche riconosciute dalla FAA in cui è consentito il volo agli aeromobili senza pilota non dotati di ID remoto.
  • Le organizzazioni idonee a richiedere l’istituzione di una FRIA includono: organizzazioni basate sulla comunità riconosciute dall’amministratore, istituti di istruzione primaria e secondaria, scuole professionali, college e università.
  • Deve operare all’interno della linea visiva e solo entro i confini di un FRIA.
  • La FAA inizierà ad accettare le richieste di FRIA 18 mesi dopo la data di entrata in vigore della norma e le domande possono essere presentate in qualsiasi momento dopo tale data.
  • Le autorizzazioni FRIA saranno valide per 48 mesi, possono essere rinnovate e possono essere revocate dalla FAA per motivi di sicurezza o protezione.
  • La maggior parte degli aeromobili senza pilota deve essere prodotta come aeromobile senza pilota con ID remoto standard e soddisfare i requisiti di questa regola a partire da 18 mesi dopo la data di entrata in vigore della regola.
  • I moduli Remote ID Broadcast devono essere prodotti per soddisfare i requisiti della regola prima di poter essere utilizzati.
  • La regola finale stabilisce i requisiti minimi di prestazione che descrivono i risultati, gli obiettivi e i risultati desiderati per l’identificazione remota senza stabilire un mezzo o un processo specifico.
  • Una persona che progetta o produce un UA o un modulo di trasmissione standard deve dimostrare che l’UA o il modulo di trasmissione soddisfano i requisiti di prestazione della regola seguendo un metodo di conformità accettato dalla FAA.
  • Secondo la regola, chiunque può creare un mezzo di conformità. Tuttavia, la FAA deve accettare tale mezzo di conformità prima che possa essere utilizzato per la progettazione o la produzione di qualsiasi UA di identificazione remota standard o modulo di trasmissione di identificazione remota.
  • La FAA incoraggia gli organismi di standardizzazione del consenso a sviluppare mezzi di conformità e sottoporli alla FAA per l’accettazione.
  • Aspetti salienti dei requisiti prestazionali UA per ID remoto standard:
  • UA deve eseguire il test automatico in modo che UA non possa decollare se l’ID remoto non funziona
  • L’ID remoto non può essere disabilitato dall’operatore
  • La trasmissione ID remoto deve essere inviata su spettro di radiofrequenze senza licenza (ricevibile da dispositivi wireless personali, es: Wi-Fi o Bluetooth)
  • I moduli UA standard Remote ID e Remote ID Broadcast devono essere progettati per massimizzare la portata alla quale la trasmissione può essere ricevuta.

Altre disposizioni nella regola finale dell’ID remoto

• Divieto del transponder ATC (Automatic Dependent Surveillance-Broadcast) in uscita e per il controllo del traffico aereo per UAS

  • La regola finale modifica le Parti 91 e 107 per vietare l’uso di ADS-B Out o Transponder ATC su UAS salvo diversa autorizzazione
  • dell’Amministratore, o se si vola con un piano di volo e in comunicazione radio bidirezionale con ATC.
  • L’autorizzazione del transponder ADS-B Out e ATC è probabile per i grandi UAS che operano in uno spazio aereo controllato.
  • La parte 89 proibisce l’uso di ADS-B Out come mezzo per soddisfare i requisiti di ID remoto.

• Ricerca aeronautica

  • La norma prevede che gli operatori richiedano un’autorizzazione speciale per operare senza UA identificazione a distanza a fini di ricerca aeronautica o da esposizione rispetto delle normative. • Autorità di deviazione
  • La regola finale fornisce un meccanismo per l’amministratore della FAA per autorizzare le deviazioni dai requisiti operativi.

• Aeromobili senza pilota civili registrati all’estero operanti negli Stati Uniti

  • La regola consente a un UA registrato in un paese straniero di essere gestito negli Stati Uniti

Dichiara solo se l’operatore presenta un avviso di identificazione con la FAA. Ciò consente alla FAA e alle forze dell’ordine di correlare una trasmissione di ID remoto con una persona responsabile del funzionamento di una UA registrata all’estero.

Modifiche principali dalla regola proposta alla regola finale

  • I requisiti di trasmissione basata su rete/Internet sono stati eliminati. L’ultima regola contiene i requisiti di sola trasmissione.
  • Gli operatori UAS in base all’eccezione per operazioni ricreative limitate possono continuare a registrarsi presso la FAA una volta, invece di registrare ciascun aeromobile. Tuttavia, il numero di serie di ogni UA standard o modulo Broadcast deve essere inserito anche nella registrazione dell’aeromobile senza pilota.
  • “Limited Remote ID UAS” è stato eliminato e sostituito con i requisiti del modulo Remote ID Broadcast per consentire la conformità degli UA esistenti.
  • Le domande FRIA possono essere presentate alla FAA a partire da 18 mesi dopo la data di entrata in vigore della regola e le domande possono essere presentate in qualsiasi momento dopo tale data.
  • Le istituzioni educative possono ora fare domanda per FRIA e organizzazioni basate sulla comunità.