Il drone ad alta quota cattura una vista rara del Monte Everest

everest

Utilizzando un drone modificato per volare nell’aria rarefatta, il fotografo Renan Ozturk ha catturato uno straordinario panorama a 360 gradi del tetto del mondo.

Da quando un ufficiale britannico nel 1903 ha catturato quella che si ritiene essere la prima immagine del Monte Everest, i fotografi si sono sforzati di scattare foto iconiche della montagna più alta del mondo. L’enormità dell’Everest rende quasi impossibile realizzare una singola fotografia che evidenzi sia la sua dimensione che la sua posizione all’interno del paesaggio himalayano.

Quest’anno Renan Ozturk, un alpinista e cineasta professionista di 39 anni in missione per il National Geographic, si è proposto di realizzare proprio una tale fotografia. Il suo piano era di usare un drone appositamente modificato per creare un panorama a 360 gradi che avrebbe rappresentato l’Everest nella sua piena grandezza, ma rivelasse anche la sua posizione dominante in uno dei paesaggi più colossali del pianeta.

Everest con drone DJI
Questo mosaico, composto da 26 immagini che si incastrano come puzzle, mostra la parete nord del Monte Everest e dei suoi dintorni. Quando i bordi sinistro e destro di questa immagine vengono uniti, creano il panorama continuo a 360 gradi.
FOTOGRAFIA DI RENAN OZTURK

Ed è così che Ozturk si ritrovò a rabbrividire nel freddo glaciale in cima al Colle Nord della montagna, faticando a respirare l’aria sottile a 23.000 piedi, circa un miglio sotto la vetta. Aveva passato otto mesi a pianificare il momento, ma calcolò che avrebbe avuto solo 15 minuti per catturare un’immagine prima che la batteria del suo drone morisse nel freddo brutale. Con le mani intorpidite, lanciò il dispositivo nel cielo, le sue eliche emettendo un gemito acuto mentre lottava per guadagnare l’altitudine nella diminuita atmosfera.

Questo non fu il primo tentativo di Ozturk di pilotare un drone sull’Everest. Lui e la sua squadra avevano provato e fallito molte volte durante lo stesso viaggio. “Se i venti sono troppo forti, puoi perdere immediatamente il drone”, ha detto recentemente al telefono. “A volte quando si scende a pieno regime, [il drone] sta ancora salendo, o viceversa, a causa di correnti ascensionali e discensionali. Sei semplicemente in balia del vento.”

Monte Everest

Ma Ozturk era preparato agli estremi. Prima di raggiungere l’Himalaya, aveva testato il suo drone in una camera iperbarica in California per vedere come avrebbe gestito l’aria mite della montagna. Ha anche lavorato con il produttore di droni, DJI, per sbloccare alcune funzioni di sicurezza, permettendogli di scendere rapidamente e di operare più lontano dal pilota. Anche con quelle misure, si aspettava delle difficoltà. “Quando stavamo facendo questi voli per la prima volta, non sai se funzionerà”, ha detto. “C’è sempre un senso di scoperta e un senso di paura”.

Con il tramonto e le temperature calanti, Ozturk ha inviato il drone sulla montagna. Ha capito che c’era abbastanza energia della batteria per volare a 6.000 piedi di distanza, passare un minuto in bilico e catturare uno scatto a 360 gradi, e velocità indietro. Lui aveva ragione.

Recuperando il drone DJI dal cielo, guardò l’immagine “in fotocamera” che aveva creato. “Ero molto eccitato, perché sembrava una prospettiva a volo d’uccello molto rara. Sembrava una foto satellitare, tranne che non come meccanica e plastica. “

L’immagine di Ozturk è il prossimo passo in una cronaca decennale di fotografia e mappatura sulla montagna. Il fotografo e cartografo aereo pionieristico Bradford Washburn ha scattato alcune foto aeree negli anni ’50 per il National Geographic per la mappa originale dell’Everest, osserva Ozturk. “Ma non era in grado di ottenere quelle ravvicinate e dettagliate.”

“Sarebbe così entusiasta di questa nuova tecnologia”, ha detto Ozturk, che è pronto ad accreditare la scienza dietro la sua fotografia. “Onestamente, è un trionfo della tecnologia. L’abbiamo appena sfruttata al massimo.”

Leave a Reply