I ricercatori australiani usano i droni per contare e monitorare i koala

Droni Koala

Amministrazioni governative e ricercatori in Australia stanno collaborando per utilizzare i droni e la tecnologia di riconoscimento facciale nel tentativo di contare, monitorare e proteggere gli amati koala della nazione.

Il governo dell’Australia Meridionale, gli specialisti della fauna selvatica della Flinders University e l’ente benefico per la conservazione Koala Life hanno elaborato un piano per pilotare droni per filmare i koala nel loro habitat ed eseguire quel filmato attraverso applicazioni di riconoscimento facciale per identificare i singoli orsi. Il processo cerca di creare un repertorio completo di ciascun membro della popolazione di koala dello stato e di monitorare come il loro numero totale si evolve nel tempo. La capacità di distinguere i marsupiali l’uno dall’altro consentirà inoltre ai ricercatori di comprendere meglio i loro movimenti, comportamento e psicologia e determinare se la presenza di droni nominalmente non invasivi crea uno stress significativo.

I droni che riprendono le riprese per scopi di riconoscimento facciale verranno inizialmente fatti volare tra i koala in cattività al Cleland Wildlife Park ad Adelaide Hills, a circa 14 miglia a sud del centro di Adelaide. Questi saranno strumentali alla raccolta di immagini per testare l’efficacia dell’identificazione computerizzata dei singoli orsi e alla raccolta di informazioni visive comportamentali, compresi i segni di stress. Se l’approccio è ritenuto efficiente e non dirompente per le creature, i voli dal vivo inizieranno in ambienti naturali a Kangaroo Island nel South Australia e negli Adelaide Mount Lofty Ranges.

La sorveglianza dei droni e il riconoscimento facciale dei koala fanno parte dell’uso crescente di UAV in Australia per proteggere la fauna selvatica

L’implementazione delle tecnologie accoppiate fa parte dello sforzo dell’Australia per ottenere una comprensione più completa delle popolazioni di fauna selvatica che sono state considerevolmente diminuite dai ricorrenti incendi giganti del paese.

“I koala stanno diminuendo in alcune parti dell’Australia, e mentre nell’Australia Meridionale i numeri erano abbastanza buoni, i recenti incendi hanno ridotto drasticamente i numeri”, ha detto la ricercatrice della Flinders University Diane Colombelli-Négrel sul sito web di Koala Life. “Dobbiamo assicurarci di essere consapevoli dei nuovi numeri, consapevoli del loro recupero dopo gli incendi e di poter ridurre al minimo altri impatti che influenzano la loro sopravvivenza … È molto importante sviluppare tecniche non invasive per monitorare gli animali come il riconoscimento facciale o il drone monitoraggio, se è dimostrato che ha un basso impatto sui koala”.

I droni non allontanano i koala osservati

Quindi, in che modo Colombelli-Négrel e il suo team di Flinders U. si assicurano che la presenza di droni non stia allontanando i koala osservati?

Sono stati dotati di Fitbit per fornire un feedback del battito cardiaco che consente il confronto delle frequenze del polso prima e dopo l’arrivo dell’imbarcazione. Ha detto che i koala e altri animali possono sembrare esteriormente calmi durante il monitoraggio aereo, anche se il loro cuore batte forte. Per vedere se questo fosse il caso nei test attuali, circa 40 degli orsi sono stati aggiornati con Fitbit.

“L’abbiamo messo al polso e ha rilevato immediatamente i battiti del cuore dei koala”, dice Colombelli-Négrel al sito Kiwi RNZ. “Non abbiamo nemmeno dovuto raderli.”

Tuttavia, i ricercatori hanno dovuto adattarsi quando gli orsi hanno risposto alla sorveglianza dei droni monitorati da Fitbit in altri modi, in particolare masticando i cinturini da polso dai colori vivaci.

“I koala sembravano giocare un po’ di più con i cinturini, ma usando il nero, che è più neutro, a loro non sembrava importare”, dice di quella che si è rivelata un’indifferenza di breve durata. “Abbiamo (finalmente) dovuto rimuovere il cinturino e utilizzare invece cinturini di garza veterinaria.”

La combinazione di droni con riconoscimento facciale e altre tecnologie per monitorare i koala non è la prima volta che l’imbarcazione viene utilizzata in Australia per ottenere informazioni più accurate sui conteggi della fauna selvatica post-incendio.

Di recente, è entrato in funzione un programma che fornisce dati dai voli potenziati dall’intelligenza artificiale nella boscaglia agli hub di calcolo della Queensland University of Technology. Questo processo consente una distinzione più rapida e completa delle varie creature contate in natura, producendo informazioni di censimento più accurate sulle diverse specie individuate. Le capacità di autoapprendimento della stessa piattaforma, nel frattempo, significano che la gamma di uccelli e animali registrati si espanderà man mano che la campagna continua e le immagini trasmesse si diversificano.

“L’uso dei droni nella ricerca sugli animali è molto utilizzato in tutta l’Australia, specialmente nel Queensland per monitorare i koala”, afferma Colombelli-Négrel. “”Fino ad ora, il comportamento potenziale e gli impatti fisiologici non sono stati studiati in modo approfondito, quindi siamo uno dei pochi gruppi che stanno indagando su questo”.

Related Posts

Leave a Reply