I migliori droni e consigli per viaggiare nel 2021

viaggiare

I droni sono di gran moda in questi giorni. Una volta riservati ai militari (con una brutta reputazione), ora sono entrati definitivamente nello spazio dei consumatori.

I viaggi non fanno eccezione, con professionisti e dilettanti entusiasti che aggiungono sempre più queste fotocamere volanti alla loro lista di cose da portare con sé. Il risultato finale, almeno per chi sa come usarli, è il tipo di riprese che in passato avremmo visto solo sul grande schermo.

Li ami o li odi, i droni sembrano essere qui per restare. Se sei pronto a investire in uno di loro, questi sono i nostri consigli attuali, oltre ad alcune sfide da tenere a mente quando li porti in viaggio.

Tieni presente che tutti i nostri consigli sono realizzati pensando alla videografia di viaggio. Di conseguenza, non troverai nessuno che sia troppo grande e pesante per viaggiare o che non abbia una fotocamera integrata.

Il migliore in assoluto: DJI Mini 2

DJI è il leader di mercato nei droni consumer e per una buona ragione: produce modelli di alta qualità da molti anni. Se hai mai visto e amato un video di viaggio con riprese di droni, ci sono ottime probabilità che sia stato girato con un DJI.

dji mini 2

La società ha presentato il Mavic Mini 2 alla fine dell’anno scorso, un aggiornamento a un modello che era già il preferito dai nuovi piloti di droni e di medio livello che cercavano di girare video di qualità senza le dimensioni, il peso o il prezzo che di solito accompagnano l’attrezzatura DJI.

Il Mini 2 è minuscolo: con un peso di soli 249 g, potrai facilmente inserire il drone in una tasca della giacca. Quella seconda statistica è in realtà la più importante: come indicato di seguito, i droni volanti sono ora un’attività regolamentata in molti paesi, ma i modelli sotto i 250 g sono spesso soggetti a meno restrizioni.

Nonostante le sue piccole dimensioni, però, il Mini 2 è ben lungi dall’essere un giocattolo. Avrai fino a mezz’ora di volo, che è meglio di qualsiasi altro drone di dimensioni e peso simili. Vola anche meglio della maggior parte degli altri piccoli droni e, anche se i forti venti saranno ancora un problema, è valutato per gestire raffiche di 8.5-10.5 m/s.

La portata è fino a sei chilometri, con una funzione di “ritorno a casa” automatica se il drone perde il segnale. La qualità video è buona, registra fino a 4k a 30 fps. C’è anche uno zoom integrato: 2x a risoluzioni più alte, 4x a quelle più basse.

Il gimbal a tre assi aiuta a mantenere stabile la fotocamera anche quando il drone è in movimento, rendendo le riprese molto più fluide. Anche le prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione sono sorprendentemente buone. Tuttavia, non ci sono sensori di prevenzione delle collisioni, quindi fai molta attenzione nelle aree affollate.

Il drone è disponibile in due configurazioni: il drone di base e un “Fly More Combo” che costa 140 Euro in più. Le batterie extra, i pezzi di ricambio e la custodia per il trasporto valgono facilmente i soldi extra, quindi vale la pena prendere il combo se puoi.

Pro

  • Molto piccolo e leggero
  • Meno regolamentato in molti paesi
  • Stabilizzazione e qualità video impressionanti
  • Tempo di volo lungo

Contro

  • Nessun sensore di prevenzione delle collisioni
  • Non ha la funzione ‘Seguimi’

Il migliore per la qualità video: DJI Air 2S

Rilasciato ad aprile, l’ultimo modello di DJI è anche il più impressionante. Anche se preferiamo ancora il Mini 2 per i viaggi grazie alle sue dimensioni ridotte e al minor numero di regolazioni, le funzionalità extra del Air 2S lo rendono ottimo se desideri la migliore qualità video.

dji air 2s

In grado di registrare video 5.4K stabili a 30 fps (o 4K a 60 fps) grazie al suo sistema di stabilizzazione con gimbal a tre assi, l’Air 2S è un piccolo ma notevole miglioramento dell’Air 2. Anche il sistema di rilevamento delle collisioni ha avuto un aggiornamento, contribuendo a garantire un volo ancora più sicuro e la portata massima arriva a 8 km. I sensori sulla base del drone aiutano anche a garantire un atterraggio sicuro.

L’Air 2S tornerà a “casa” automaticamente quando perde la connessione o si scarica la batteria, e si gira intorno agli ostacoli anche in ambienti affollati. I modelli nordamericani sono anche dotati di Airsense, che utilizza i segnali degli aerei commerciali per mostrare la loro posizione su una mappa sullo schermo.

Ottieni un’ampia varietà di opzioni di controllo, incluse diverse impostazioni automatizzate come il tracciamento degli oggetti che eliminano gran parte del duro lavoro di acquisizione di filmati dall’aspetto professionale. I fotografi non sono stati dimenticati, con tutto, dall’HDR all’acquisizione in condizioni di scarsa illuminazione e allo scatto in RAW.

Sebbene sia notevolmente più grande del Mini 2, questo non è affatto un grande drone, soprattutto considerando quello che può fare. Con 595 g è più piccolo e leggero di qualsiasi drone con caratteristiche comparabili.

Come con il Mini 2, l’Air 2S è disponibile in due varianti: il drone di base o un kit Fly More con borsa per il trasporto, batterie extra e protezioni eliche, filtri a densità neutra e altro ancora. Ancora una volta, se hai i soldi, il kit Fly More è la strada da percorrere.

Pro

  • Riprende video 5K/30fps e 4K/60fps
  • Ampia gamma di funzioni sia per foto che per video
  • Lunga autonomia e durata della batteria
  • Riprese impressionanti con stabilizzazione a tre assi

Contro

  • Costo superiore al Mini 2
  • Il radiocomando non ha il suo schermo

Cosa devi sapere prima di viaggiare con un drone

Quindi ti sei unito ai ranghi dei proprietari di droni e vuoi portarne uno con te nel tuo prossimo viaggio. Sembra sia semplice come disimballarlo, lasciarlo andare e catturare filmati incredibili, giusto?

iceland

Non così in fretta. I droni sono sempre più regolamentati, con limiti su dove possono essere utilizzati, se è necessario un permesso per farli volare o se sono consentiti del tutto. Ignorare le regole spesso significa multe e/o confisca se vieni scoperto.

Sia gli Stati Uniti che il Regno Unito hanno introdotto requisiti di licenza per i droni e/o le persone che li pilotano, mentre l’Australia sta pianificando qualcosa di simile.

In Colombia sono ammessi solo droni di peso inferiore a 55 libbre (25 kg). Il Portogallo, d’altra parte, consente voli con droni solo durante il giorno e mai su gruppi di più di 12 persone. A Singapore, i droni non possono volare entro 3,1 miglia (5 km) da qualsiasi aeroporto.

Paesi come l’Argentina consentono ai droni di volare liberamente se sono stati registrati e pagato una tassa prima di entrare nel Paese. Altri, tra cui India, Madagascar e Paraguay, richiedono l’autorizzazione dell’autorità competente. Alcuni paesi o regioni non consentono affatto i droni, come l’Antartide e la Città del Vaticano.

Queste restrizioni sono solo per uso ricreativo. Per uso commerciale, i droni devono quasi sempre essere registrati prima di entrare nel paese.

Tutto quanto sopra è solo un esempio e le regole cambiano continuamente. Prima di iniziare il viaggio è necessario visitare il sito delle autorità locali per sapere come procedere.

Se vorreste approfondire di più sull’argomento, ti invitiamo martedì 15 giugno ore 15 sul Webinar dedicato ai droni durante i viaggi. REGISTRATEVI QUI http://bit.ly/webinar-viaggiare-con-drone

Related Posts

Leave a Reply