Guida per l’utente batterie TB50 e TB55

DJI Matrice 200

Premessa

DJI ha rilasciato un aggiornamento del firmware il 16 novembre 2018 in seguito alle segnalazioni su un piccolo numero di batterie TB50 e TB55 che mostravano livelli di potenza errati portando alla perdita di potenza a metà volo. L’aggiornamento del firmware risolve un problema raro che riguarda l’algoritmo di calcolo dello stato di carica della batteria (SOC) incorporandole seguenti misure preventive che servono a migliorare il sistema di gestione della batteria e ottimizzare l’alimentazione durante il volo. Si tratta di misure provvisorie fino al rilascio di un ulteriore aggiornamento del firmware nel mese di dicembre 2018.

Per le batterie TB55 utilizzate con il drone della serie M200, l’aggiornamento del firmware impone queste nuove protezioni della batteria:

• Rilevamento della temperatura della batteria prima del decollo (S1)

La temperatura della batteria deve essere di 15° C (59° F) o superiore prima che il drone possa decollare. Questo perché una batteria a bassa temperatura ha una resistenza interna più elevata, che causa una tensione inferiore rispetto a quella più calda. Una batteria con bassa tensione fornirà un livello inferiore di potenza al drone, e quindi comporterà un maggiore rischio di perdita di potenza.

• Rilevamento SOC (stato di carica) prima del decollo (S2)

La tensione della batteria verrà utilizzata per verificare il valore SOC dall’algoritmo DJI nel nuovo firmware. Questo valore SOC verrà confrontato con quello calcolato dall’algoritmo di calcolo SOC della batteria per determinare se esiste una lettura SOC “falsa alta”. Se c’è una lettura SOC “falsa alta”, il drone non sarà in grado di decollare.

• Ritorno alla base casa (RTH) o atterraggio automatico (AL) (S3)

Quando l’algoritmo DJI rileva una differenza nei livelli SOC (questo calcolo viene eseguito all’interno della batteria e quindi non è visibile agli utenti attraverso lo schermo) tra l’algoritmo e il livello effettivo superiore al 5%, RTH (return-to-home) verrà attivato a un livello di batteria rilevato del 30% e l’atterraggio automatico (AL) attivato al 10% (in base all’algoritmo DJI). Se la differenza è inferiore al 5%, non verrà attivata alcuna azione.

Per le batterie TB50 utilizzate con il drone della serie M200, l’aggiornamento del firmware impone questa nuova protezione della batteria:

• Rilevamento della temperatura della batteria prima del decollo (S1)

La temperatura della batteria deve essere di 15° C (59° F) o superiore prima che il drone possa decollare. Questo perché una batteria a bassa temperatura ha una resistenza interna più elevata, che causa una tensione inferiore rispetto a quella più calda. Una batteria con bassa tensione fornirà un livello inferiore di potenza al drone, e quindi imporrà un maggiore rischio di perdita di potenza.

La sicurezza è la massima priorità di DJI, motivo per cui sono state implementate queste protezioni preventive come una rapida contromisura per aiutare a prevenire qualsiasi ulteriore potenziale dei droni della serie M200 con perdita di potenza a metà volo, mentre continua una indagine approfondita sulla causa principale del problema e vengono presi ulteriori passi nel prossimo futuro per rimediare al problema.

Queste misure preventive, tuttavia, significano che alcuni piloti potrebbero sperimentare RTH o AL inattesi e anticipati dei loro droni della serie Matrice 200 durante le operazioni poiché le batterie sono state programmate per richiedere una sovrabbondanza di cautela quando rilevano anche una piccola possibilità di guasto della batteria o alimentazione insufficiente a RTH/AL. Durante questo periodo intermedio, si consiglia ai clienti di pianificare i loro voli di conseguenza, consentendo di avviare una potenziale funzione RTH o AL. DJI ha preparato le seguenti linee guida per ridurre al minimo le potenziali interruzioni delle operazioni dei propri utenti mentre lavora 24 ore su 24 per rilasciare un nuovo aggiornamento del firmware a dicembre, che affronterà ulteriormente questi problemi e migliorerà l’esperienza utente complessiva.

Direttive

Ultimo firmware.Gli utenti di droni della serie M200 sono vivamente invitati ad aggiornare il loro drone e le batterie al firmware più recente. Dal 23 novembre 2018, questo aggiornamento relativo alla sicurezza è obbligatorio per i piloti che utilizzano DJI GO 4 per azionare il drone della serie M200 poiché sperimenteranno un blocco del volo fino al completamento dell’aggiornamento.Questo è il motivo per cui chiediamo ai piloti di concedere un tempo extra prima del loro prossimo volo per eseguire questo aggiornamento per ridurre al minimo l’interruzione delle loro operazioni.

Notifica del firmware incoerente. Per il momento, i piloti che utilizzano i droni sia della serie DJI M200 che DJI Inspire 2 potrebbero ricevere una notifica di “firmware incoerente” quando si utilizzano batterie aggiornate con diverse versioni del firmware. Questo potrebbe bloccare il volo del drone. DJI consiglia ai piloti di utilizzare batterie aggiornate con lo stesso firmware fino a quando il nuovo aggiornamento del firmware verrà rilasciato a dicembre. Questo aggiornamento risolverà questo problema di compatibilità oltre a migliorare l’esperienza generale dell’utente.

La batteria impiega più tempo a riscaldarsi. Questo è causato da S1. DJI suggerisce ai piloti di preriscaldare le batterie o di tenerle a temperatura ambiente (circa 23° C/73.4°F) prima di volare all’aperto per ridurre al minimo il rischio di interruzioni del volo.

Il drone sta tornando alla base (return-to-home o RTH) o atterraggio automatico (AL) anticipati.I piloti possono vedere il loro drone avviare RTH o AL quando il SOC della batteria è ancora superiore al 30%. Ciò è causato da S3 che implementa intenzionalmente un algoritmo preventivo nel flight controller per garantire che il drone abbia una capacità della batteria sufficiente a sostenere il volo mentre ritorna alla base o atterra automaticamente. Se si verificano costantemente RTH o AL anticipati (dove il SOC della batteria registra più del 30% sullo schermo), seguire le istruzioni delle batterie di pre-riscaldamento prima del volo. Se si verifica ancora, inviare i log di volo al servizio clienti DJI all’indirizzo dji.com/support in modo che il team DJI possa esaminare e fornire una soluzione adeguata.

Guida per i piloti che sperimentano RTH o AL automatizzati:

• Quando un drone avvia Smart RTH, i piloti possono interrompere e fermare RTH premendo la “X” sullo schermo

• Quando un drone inizia AL, i piloti possono ancora guidare il drone usando il joystick per trovare la posizione di atterraggio più sicura. Spingere l’acceleratore può anche rallentare o neutralizzare la discesa del drone.

È importante notare che queste risposte non sono causate da alcun errore hardware. I RTH o AL anticipati sono dovuti alla strategia di mitigazione del rischio programmata nel flight controller di DJI.

Mentre DJI, proprio come qualsiasi altro produttore, non può mai garantire la sicurezza assoluta in ogni caso, prende molto seriamente la sicurezza e quindi sta affrontando questa situazione con molta prudenza, mentre lavora su una risoluzione a più lungo termine che verrà rilasciata a dicembre.Ci scusiamo sinceramente per l’inconveniente causato da queste misure preventive e chiediamo la continua comprensione e pazienza dei nostri utenti mentre DJI lavora assiduamente per rilasciare il prossimo aggiornamento del firmware, che risolverà questi problemi di prestazioni non critici ma significativi.

Leave a Reply