Sapevi già che i droni sono sicuri. Ecco un’altra prova.

Lifestyle10

I droni sono la forma di aviazione più sicura che il mondo abbia mai conosciuto. Questa è un’affermazione audace, ma è vera. In DJI, lo sappiamo perché abbiamo fatto i conti. Dai un’occhiata tu stesso.

Abbiamo studiato il problema all’inizio di quest’anno perché volevamo quantificare ciò che gli operatori di droni sanno già intuitivamente: i droni sono molto sicuri. La Federal Aviation Administration (FAA) degli Stati Uniti ha proposto una regola per l’identificazione dei droni che temevamo sarebbero stati troppo costosi e complicati per avere successo; sospettavamo che questi oneri fossero di gran lunga sproporzionati rispetto al rischio rappresentato dai droni.

DJI sapeva già che le prove aneddotiche sulla sicurezza dei droni erano inaffidabili. L’anno scorso abbiamo pubblicato il nostro rapporto “Elevating Safety”, che ha riesaminato metodicamente le prove disponibili sui droni che presumibilmente subivano collisioni o quasi con aeroplani ed elicotteri. Il nostro studio ha dimostrato che la maggior parte degli “avvistamenti di droni” – e anche “collisioni con droni” – coinvolgono uccelli, pipistrelli, palloncini o niente.

Ma non esiste alcun sostituto ai dati. E ne avevamo alcuni disponibili.

Quando voli con un drone DJI utilizzando le app di controllo del volo DJI GO o DJI GO 4, hai il pieno controllo del registro di volo e dei dati dell’immagine, ma hai anche la possibilità di condividere in modo anonimo i dati di base dell’esperienza utente con DJI, in modo che DJI possa capire come i clienti utilizzano i propri prodotti e come possano essere migliorati, in modo simile a ciò che fanno molte aziende tecnologiche. Solo circa il 35% degli utenti DJI sceglie di farlo, ma è sufficiente per trarre alcune conclusioni:

Negli Stati Uniti nel 2019, gli utenti che hanno scelto di condividere i dati con DJI hanno effettuato 9.632.454 voli, con una media di 7,1 minuti ciascuno.
Estrapolando da quel 35 percento l’intera base di utenti su DJI GO e DJI GO 4, stimiamo che abbiano effettuato 27,5 milioni di voli.
Ma non è tutto: abbiamo stimato prudentemente che circa il 15% dei piloti di droni DJI utilizza altre app di controllo del volo, sia di DJI (come DJI Fly, DJI Pilot e DJI Flight Hub) che dei partner DJI con kit di sviluppo software come Drone Deploy e Measure. Adeguando questo fattore, stimiamo che i droni DJI abbiano effettuato 31,6 milioni di voli negli Stati Uniti lo scorso anno.
Molte persone pilotano droni di altri produttori; la FAA afferma che i prodotti DJI comprendono solo il 36% della flotta di droni americana. Tenendo conto di ciò, nel 2019 ci sono stati 87,8 milioni di voli di droni negli Stati Uniti.
E se ciascuno di questi voli avesse una media di 7,1 minuti, come hanno mostrato i dati sull’esperienza utente di DJI, si tratta di 10,3 milioni di ore di volo con drone.
Puoi vedere questi calcoli in modo più dettagliato alle pagine 5-9 dei commenti di DJI alla FAA, che sono il primo download disponibile a questo link, ma quei numeri potrebbero essere bassi. Un rapporto della FAA pubblicato più tardi nel 2020 ha intervistato i piloti di droni e ha concluso che i piloti amatoriali statunitensi da soli volavano 1,5 milioni di ore al mese, o 18 milioni di ore all’anno.

Qualunque sia la cifra più rappresentativa, il significato è sempre lo stesso: in più di 10 milioni di ore di volo, nessuna persona è morta a causa di un volo con un drone. A differenza di altre forme di aviazione, il tasso di mortalità accidentale per i droni è zero. Ecco come l’ha definita DJI:

“Questo rende gli UAS senza dubbio la forma di aviazione più sicura che il mondo abbia mai conosciuto. In confronto, negli Stati Uniti, l’aviazione generale subisce un tasso di incidenti mortali di 1.029 incidenti mortali ogni 100.000 ore di volo. Sebbene ridurre gli incidenti a zero sia sempre l’aspirazione, il tasso di incidenti GA è considerato un livello di sicurezza “accettabile”, senza richieste di inasprimento delle normative da parte del pubblico, del Congresso o delle autorità di regolamentazione che abbiamo visto. Se i piccoli UAS dovessero avere un tale tasso di incidenti, che rappresenta un livello di sicurezza “equivalente” a quello dell’aviazione generale, ci sarebbero 103 incidenti mortali con droni ogni anno. Ce ne sono zero.”

dji geofencing

Come abbiamo notato, i droni sono sicuri e noi continuiamo a renderli più sicuri. In DJI, sono state riviste le zone di geofencing basate su GPS per tenere i droni lontani dai percorsi di avvicinamento alle piste dell’aeroporto (non solo dagli aeroporti stessi). Sono stati inseriti avvisi di distanza nelle app di controllo dei droni in modo che i piloti sappiano quando i loro droni potrebbero volare troppo lontano. E quest’anno DJI ha iniziato a installare ricevitori AirSense in nuovi modelli di droni che pesano più di 250 grammi, che raccolgono i segnali ADS-B da aeroplani ed elicotteri per avvertire i piloti di droni se qualcuno si sta avvicinando, in modo che il drone possa essere spostato dalla traiettoria. Al momento il DJI Mavic Air 2 è dotato di tale sistema, ma solo quelli venduti in Nord America.

Il numero di droni nel mondo continua a crescere ed è incoraggiante che la nostra analisi dei dati dimostri che rimangono un’aggiunta sicura ai cieli. Mentre le autorità di regolamentazione avanzano con le regole per l’identificazione a distanza dei droni, così come i voli di routine di notte e sopra le persone, questo record di sicurezza mostra perché le nuove regole non dovrebbero comportare costi, oneri o problemi irragionevoli per i piloti di droni. I droni sono sicuri e dovrebbero essere trattati in quanto tali.

Il DJI Mavic Air 2 è ora venduto anche in kit con DJI Smart Controller incluso: