Droni DJI impiegati nella ricostruzione degli incidenti

dji_drone_report_incidente

I droni stanno rapidamente diventando una tecnologia di riferimento per la ricostruzione degli incidenti, utilizzata dalle forze dell’ordine, dalle compagnie assicurative e dagli avvocati che cercano di valutare la colpa dopo un incidente.

Uno dei maggiori vantaggi nell’uso di un drone per la ricostruzione di incidenti è che riduce significativamente il tempo necessario per raccogliere una quantità sufficiente di dati per mappare la scena per un’indagine.

Negli approcci più vecchi per la mappatura delle scene degli incidenti, gli investigatori hanno usato matite e misure a nastro, identificando manualmente i segni di sbandamento e parti importanti della scena per ricostruire la causa di un incidente contrassegnando X e O su carta millimetrata. Questo tipo di ricostruzione dell’incidente potrebbe richiedere dalle sei alle otto ore, il che significa lunghi ritardi per la riapertura della carreggiata su cui si è verificato l’incidente.

Più recentemente, gli scanner laser sono stati utilizzati per accelerare questo approccio manuale. Ma anche con questo miglioramento, il completamento della mappatura degli incidenti può richiedere da due a tre ore.

I droni offrono una soluzione più rapida e accurata. Con un drone, gli investigatori possono mappare una scena dell’incidente in soli 5-8 minuti, secondo una ricerca condotta alla Purdue University.

E il tempo risparmiato non è solo un miglioramento dell’efficienza dell’indagine, può letteralmente aiutare a salvare vite umane.

COME I DRONI AIUTANO A RICOSTRUIRE INCIDENTI

I droni aiutano a ricostruire le scene degli incidenti raccogliendo dati visivi che possono quindi essere elaborati utilizzando il software di mappatura in modelli 3D o mappe ortomosaiche della scena.

mappa incidente

Alcuni droni comuni utilizzati per la ricostruzione degli incidenti sono Inspire 2 di DJI in coppia con Zenmuse X7 e Phantom 4 Pro, ma ci sono molti tipi diversi di droni di mappatura che vengono utilizzati.

La precisione è incredibilmente importante quando si raccolgono dati per creare queste mappe ai fini della ricostruzione dell’incidente, poiché un errore relativamente piccolo nei dati potrebbe far sembrare che uno scenario diverso abbia causato l’incidente e dare la colpa dell’incidente alla persona sbagliata.

I ricercatori della Purdue University hanno collaborato con l’ufficio dello sceriffo della contea di Tippecanoe, situato in Indiana, per studiare l’uso dei droni per ricostruire gli incidenti. Solo nel 2018, l’ufficio dello sceriffo ha utilizzato droni per la ricostruzione di incidenti per un totale di 20 volte diverse.

Guarda questo video per un riepilogo delle loro ricerche e scoperte:


I droni utilizzati per migliorare le valutazioni del sito di incidenti stradali

COME USARE I DRONI PER LA RICOSTRUZIONE DI UN INCIDENTE AIUTA A MANTENERE LE PERSONE PIÙ SICURE

Quando i primi soccorritori arrivano sulla scena di un incidente d’auto hanno quattro priorità:

1. Assicurarsi che le persone coinvolte siano al sicuro, identificando le lesioni e ricevendo assistenza medica per coloro che ne hanno bisogno.

2. Accertati che la scena sia sicura, assicurandosi che nulla sia in pericolo di esplosione, collasso o che presenti un pericolo per gli altri nell’area.

3. Proteggere e raccogliere le prove: il luogo dell’incidente non è solo un luogo in cui le persone hanno bisogno di aiuto, ma è anche una scena del crimine che deve essere investigata per determinare il motivo dell’incidente.

4. Lavorare rapidamente per liberare la strada: più a lungo rimangono chiuse le strade a causa di un incidente, maggiori sono le possibilità che possa accadere un altro incidente o molti altri.

ricostruzione incidenti con droni dji

Potresti aver notato che la terza e la quarta priorità sopra elencate sono direttamente in conflitto tra loro.

Da un lato, i primi soccorritori stanno cercando di preservare la scena e raccolgono prove sufficienti per ricostruire l’incidente, dall’altro stanno cercando di liberare rapidamente l’area per evitare ulteriori incidenti.

Tutto ciò che può essere fatto per accelerare la raccolta di prove può letteralmente salvare vite umane, poiché i dati mostrano che più tempo viene bloccata la strada, più è probabile che si verifichi un altro incidente.

In effetti, uno dei periodi più pericolosi per essere sulla strada è subito dopo un incidente d’auto.

È in questa finestra di tempo che le possibilità di “incidenti secondari”, legati a un’improvvisa fermata del traffico, come un tamponamento o a detriti imprevisti nella strada, aumentano in modo significativo.

La probabilità di un incidente secondario aumenta del 3% per ogni minuto in cui si verifica l’incidente primario. Gli incidenti stradali e gli incidenti secondari continuano ad essere una delle principali cause di infortuni e morti di servizio per forze dell’ordine, vigili del fuoco e personale di rimorchio e recupero.

– Andrew Klane, Massachusetts State Troopers

Secondo i dati della Purdue University, gli incidenti secondari aumentano di un fattore 24 subito dopo l’incidente.

Ed è qui che i droni possono aiutare.

Accelerando significativamente la raccolta dei dati per la ricostruzione degli incidenti, i droni stanno aiutando gli investigatori a liberare le strade molto, molto più rapidamente dopo un incidente e contribuendo così a ridurre il potenziale di incidenti secondari.

Un altro modo in cui ridurre il tempo sulla strada durante un incidente aiuta a proteggere le persone è ridurre la quantità di esposizione che i primi soccorritori devono rischiare.

Più tempo un primo soccorritore trascorre sul luogo di una scena dell’incidente, maggiori sono le possibilità che qualcuno possa colpirlo accidentalmente.

Al giorno d’oggi non sono solo le forze dell’ordine a utilizzare i droni per la ricostruzione degli incidenti.

Le compagnie di assicurazione hanno iniziato a utilizzare i droni per valutare meglio i reclami delle persone coinvolte in incidenti stradali. E gli studi legali specializzati nella legge sugli infortuni personali relativi agli incidenti hanno anche iniziato a utilizzare i droni nelle indagini sugli incidenti, al fine di creare mappe per scopi di ricostruzione degli incidenti e per creare immagini migliori per le giurie.