Documenti rivelano che i droni adorano sorvolare le centrali nucleari

drone_centrale_nucleare

Nuovi documenti hanno dimostrato che un gran numero di droni ha sorvolato centrali nucleari da dicembre 2014 a ottobre 2019 con 57 incidenti registrati.

All’inizio di quest’anno uno sciame di droni è stato avvistato sopra la centrale nucleare di Palo Verde in Arizona lo scorso settembre. Si scopre che è più comune di quanto si possa pensare.

Nuovi documenti sono stati distribuiti dalla US Nuclear Regulatory Commission grazie a una richiesta di libertà di informazione presentata da Douglas D. Johnson. I documenti hanno rivelato un elenco di 57 incidenti di droni su centrali nucleari e strutture di stoccaggio.

Secondo David Hambling, le uniche informazioni fornite con ogni incidente erano la data e il luogo, senza menzionare il numero di droni e la durata del volo. I documenti hanno anche rivelato che molti dei casi sono stati contrassegnati come “Chiusi non risolti”, con tre ancora aperti. Ciò suggerisce che la Nuclear Regulatory Commission non è stata in grado di trovare l’operatore del drone o i droni durante le sue indagini, costringendoli a rinunciare alla ricerca.

12 dei 24 siti nucleari hanno avuto un solo incidente con droni segnalato con vari incidenti registrati multipli. La centrale elettrica di Diablo Canyon in California ha avuto sette incidenti con droni, la stazione di generazione di Limerick in Pennsylvania ha avuto sei incidenti e la centrale elettrica di Perry in Ohio ha avuto sei avvistamenti. Tutti gli incidenti non sono mai stati risolti.

Tre incidenti si sono verificati in luoghi di stoccaggio nucleare in Oregon e California. Entrambi questi siti sono protetti con acciaio e cemento, il che significa che i droni non rappresentano una minaccia eccessiva.

Sebbene i droni non rappresentino una grande minaccia per i reattori che sono schermati da uno spesso strato di cemento e per i serbatoi di stoccaggio anch’essi protetti, rappresentano una minaccia maggiore per i pool di stoccaggio non protetti. Queste piscine sono utilizzate per immagazzinare il combustibile nucleare esaurito e sono conservate in strutture simili a un grande magazzino di scatole. Affinché qualcuno renda pericolose queste piscine, tutto ciò che deve fare è drenare l’acqua dalla piscina di stoccaggio e consentire al materiale di riscaldarsi, il che può innescare un incendio per radiazione, rendendo “un’area inabitabile molto più grande di quella creata dall’incidente di Chernobyl” secondo un rapporto del 2003.

DJI AeroScope è la soluzione per contrastare i droni illegali ideata da DJI che utilizza il collegamento di comunicazione esistente tra un drone e il suo radiocomando per trasmettere informazioni come una registrazione o un numero di serie, oltre alla telemetria di base, tra cui posizione, altitudine, velocità e direzione. Polizia, agenzie di sicurezza, autorità aeronautiche e altre parti autorizzate possono utilizzare un AeroScope per monitorare, analizzare e agire su tali informazioni. AeroScope è stato installato in due aeroporti internazionali da aprile e continua a testare e valutare le sue prestazioni in altri ambienti operativi.