DJI: nuovi prodotti continuano ad arrivare

dji_mini_2

Che autunno è stato per DJI: il rilascio di prodotto dopo prodotto dopo prodotto. Così tanti, infatti, che uno dei senior di DJI ha parlato su Twitter. E abbiamo pensato: sì, è impressionante. Approfondiamo.

Sappiamo tutti che DJI è una potenza quando si tratta di droni. Le migliori stime sono che tra il 70% e l’80% di tutti i droni venduti sul pianeta portano il nome di Da-Jiang Innovations, che si traduce in 大 疆 创新, o Great Frontier Innovations. E quindi sappiamo tutti che l’azienda è grande. Ma quanto è grande – e la portata della sua abilità tecnologica – è stato recentemente sperimentato a casa. Non era un comunicato stampa o un rapporto di settore. Piuttosto, era un singolo Tweet di un dipendente DJI senior.

La diceva lunga.

Un tweet, molti prodotti

Il 5 novembre, Brendan Schulman di DJI è passato ai social media. Questo era il Tweet:

Andiamo a ripassare

C’è molto in quel Tweet e ci ha fatto riflettere. Quindi diamo uno sguardo più dettagliato. In effetti, torniamo indietro e rivediamo tutto ciò che la società ha rilasciato nel 2020. Perché, nonostante la pandemia, è stato un anno piuttosto produttivo per DJI.

27 aprile 2020: Mavic Air 2

Chi potrebbe dimenticarlo? Sembra passato così tanto tempo, ma il lancio del Mavic Air 2 è stato importante. Un drone estremamente popolare, ha racchiuso un sacco di funzioni in una dimensione “giusta”.

7 maggio 2020: Matrice M300 RTK

Dieci giorni dopo quel lancio, un altro drone nuovo di zecca: il nuovo membro della formazione Enterprise. L’M300 RTK ha portato tecnologia all’avanguardia su tutta la linea. Lasceremo che DJI racconti la storia con questo video di lancio:

7 maggio 2020: Zenmuse H20

Sebbene sia stata rilasciata lo stesso giorno del Matrice, la serie H20 rappresenta una seria ricerca e sviluppo. Dotato di un sensore da 20 MP e zoom, l’H20T incorpora una fotocamera termica da 640 x 512 pixel, nonché un telemetro laser con una portata di 1,2 chilometri. Questa è una tecnologia seria.

zenmuse H20

4 agosto 2020: RoboMaster EP Core

Tre mesi dopo l’uscita di Matrice, DJI è tornato. Questa volta si trattava di un RoboMaster aggiornato, una macchina programmabile con evidenti applicazioni STEM. Non era del tutto nuova, di per sé, ma solo una S1 modificata. Ma comunque…

26 agosto 2020: OM 4

Alla fine dell’estate, DJI ha rilasciato il suo ultimo aggiornamento alla venerabile linea Osmo Mobile. Ora etichettato semplicemente come “OM 4“, ha portato stabilità e ottime funzionalità automatizzate al suo nuovo gimbal/stabilizzatore per smartphone:

14 ottobre 2020: Zenmuse L1

Ricordiamo che L1 è stato annunciato durante un evento virtuale da qualche parte. Non hanno ottenuto la copertura di altri prodotti di lancio di DJI, probabilmente perché erano accessori destinati alla linea Matrice/Enterprise. Ma non si può negare che una tecnologia seria sia racchiusa in queste fotocamere, che incorporano LiDAR e un sensore CMOS da 1″ per immagini RGB e acquisizione video.

dji zenmuse l1

14 ottobre 2020: Zenmuse P1

Lo stesso giorno, DJI ha annunciato il suo Zenmuse P1, destinato anche a Matrice M300. Questa fotocamera ha contrassegnato il primo sensore full frame di DJI ed è su misura per le missioni di fotogrammetria:

Aspettate, c’è di più!

Non stiamo scherzando. DJI, in un certo senso, si stava solo riscaldando.

15 ottobre 2020: DJI RS 2

L’ultimo nell’evoluzione della linea Ronin, il gimbal RS 2 presenta un sacco di miglioramenti rispetto alla generazione precedente. Può gestire un carico utile di 4,5 chilogrammi e ha un’enorme autonomia della batteria… il che significa che il tuo braccio cederà prima della RS 2.

15 ottobre 2020: DJI RSC 2

Lo stesso giorno è stato lanciato il fratello minore della RS 2. L’RSC 2 è l’ultimo Ronin racchiuso in una forma compatta. Ma ha ancora valido:

Mettete in tasca questo

20 ottobre 2020: DJI Pocket 2

Il Pocket 2 non è un giocattolo. Dotato di un sensore fotografico da 64 MP, questa piccola meraviglia rappresenta un’enorme quantità di ingegneria. Seriamente, come si fa a stipare così tanta tecnologia in qualcosa di così piccolo?

E…, rullo di tamburi per favore

E le ultime novità da DJI? Siamo disposti a scommettere che puoi indovinare.

4 novembre 2020: DJI Mini 2

SÌ!! Il DJI Mini 2 è stato rilasciato all’inizio di novembre. Ne abbiamo parlato a lungo qui, pubblicato un video di panoramica e persino una gara tra questo e l’originale Mavic Mini. Ma lasceremo che DJI racconti la sua storia qui:

Fermiamoci e contiamo

In realtà ci sono altre voci che girano su nuovi prodotti in arrivo, ma senza immagini o qualcosa di più solido li lasceremo fuori dal mix. Tralasciamo anche i generatori, anche se riteniamo che siano un prodotto reale con una data di rilascio imminente. In altre parole, contiamo solo ciò che DJI ha portato quest’anno sul mercato.

Contiamo 13 nuovi prodotti. Tredici. Inoltre, quasi tutti questi prodotti avrebbero richiesto attività di ricerca e sviluppo significative. E qualcosa come l’M300 o il Mavic Air 2? Quelle erano versioni importanti su piattaforme che avrebbero richiesto molto lavoro.

Quali altre società ti vengono in mente che hanno rilasciato così tanti prodotti in un anno? Forse Apple, anche se non abbiamo tempo per contare. Ma hai capito il punto.

I risultati

Guardiamo l’industria dei droni con grande interesse. Ed è chiaro che quest’anno c’è stato un cambiamento in Nord America. Negli Stati Uniti, la spinta del Dipartimento degli Interni contro i droni fabbricati in Cina, o con componenti di fabbricazione cinese, ha incoraggiato altri produttori di droni. Abbiamo visto alcuni di loro sparare colpi attraverso l’arco di DJI, comprese alcune promozioni poco lusinghiere che avevano un aspetto decisamente anti-cinese per loro.

Inoltre, c’è stata l’uscita della Blue sUAS list, che potrebbe essere considerata una lista della spesa “approvata” per le agenzie governative statunitensi di droni fabbricati negli Stati Uniti. Alcuni dicono che l’elenco riguarda legittimi problemi di sicurezza; altri credono che sia più una questione di protezionismo commerciale.

Indipendentemente da ciò, la combinazione di quel divieto limitato e l’elenco Blue sUAS ha spinto alcune aziende di droni a respingere davvero DJI.

Facciamo il punto

E lo capiamo. DJI è stato a lungo il leader indiscusso in questo campo e dovrebbe probabilmente essere accreditato con molti degli scenari tecnologici e di casi d’uso che hanno avvantaggiato l’industria nel suo complesso. Quando i concorrenti vedono un’apertura, cercheranno di sfruttarla. Questo è il capitalismo, ed è veramente parte del modo americano.

Però. Alcune delle aziende che attualmente utilizzano le proprie soapbox hanno rilasciato un solo prodotto quest’anno. Altri non hanno rilasciato nuovi prodotti.

Guarda di nuovo quella lista DJI. E non solo l’enorme numero di prodotti, ma la loro diversità. Pensa all’ingegneria – e ai soldi – necessari per sviluppare tutto questo. Pensa alle conquiste tecnologiche rappresentate da molti di questi prodotti. Il Mini 2 ha capacità enormi, ma si adatta alla tua mano. Come detto prima, semplicemente non c’è niente là fuori che possa competere con DJI, indipendentemente dal paese di origine.

DJI rimane, e rimarrà per il prossimo futuro, il leader indiscusso in questo settore. Sì, alcune altre aziende hanno prodotti eccellenti che intacceranno in qualche modo l’armatura DJI. Per un lungo periodo di tempo, ciò potrebbe essere significativo per DJI.