DJI Mavic Mini Recensione: Piccolo ma potente

dji_mavic_mini

Una meraviglia in miniatura, il DJI Mavic Mini è un piccolo drone con grandi ambizioni

dji mavic mini con radiocomando

Quando il nuovo regolamento europeo sui droni entrerà in vigore il prossimo anno, ogni proprietario di un drone del peso di almeno 250 grammi dovrà registrarlo presso le autorità e superare un test di sicurezza online.

Se adesso acquisti un DJI Mavic Mini, tuttavia, sarai esente perché il suo peso di volo – orgogliosamente blasonato sul fianco destro del drone – si spinge di un singolo grammo al di sotto di tale limite.

Cosa ti occorre sapere

Il DJI Mavic Mini è il drone, flycam come ora lo chiama DJI, più leggero e più piccolo che l’azienda abbia mai realizzato. Pesa 249 g con la batteria installata, e piegato è abbastanza piccolo da stare sul palmo della mano.

Questo non è un giocattolo, tuttavia. Viene fornito con una fotocamera da 12 megapixel completamente stabilizzata meccanicamente, montata sul muso, che può girare video con una risoluzione fino a 2,7K. Viene fornito con un radiocomando compatto nella scatola, con una portata di trasmissione fino a 2 km, e il suo tempo di volo di 30 minuti è alla pari con droni molto più grandi.

mavic mini sotto

Prezzo e concorrenza

Il DJI Mavic Mini sarà anche piccolo, quindi, ma è un drone serio e questo si riflette nel prezzo. Il pacchetto base costa 399 euro e 499 euro il pacchetto Fly More Combo. Quest’ultimo include tre batterie, protezione eliche a 360 gradi e un hub di ricarica a tripla batteria. Dato che le batterie extra costano 45 euro al pezzo e l’hub di ricarica 39 euro quando venduto separatamente, il pacchetto Fly More Combo rappresenta un buon rapporto qualità-prezzo.

In assenza del DJI Spark, che ora è stato sospeso, la principale competizione del Mavic Mini proviene dal produttore di droni francese Parrot e dal suo drone Bebop 2, che costa circa 360 euro. È molto più voluminoso del Mavic Mini, il doppio del peso e può solo girare video a 1080p, 30fps. Parrot Anafi è più vicino per dimensioni e peso e può girare video HDR 4K, ma il drone di punta di Parrot costa molto di più rispetto al Mavic Mini.

dji mavic mini in volo

Design

L’attrazione principale di Mavic Mini deve essere le sue proporzioni minuscole e il peso super leggero. Con i suoi quattro bracci con i motori ripiegati, è abbastanza piccolo da stare ordinatamente nel palmo della mano senza sporgere oltre i bordi. Il meccanismo di piegatura è lo stesso dei suoi fratelli più costosi (e più avanzati), Mavic Air e Mavic Pro: per prepararlo a volare, è sufficiente estrarre i bracci anteriori orizzontalmente, quindi tirare i bracci posteriori verso il basso e all’indietro.

Non esiste una porta di ricarica sulla batteria stessa, il che è un peccato; se desideri ricaricare una batteria di scorta mentre voli, dovrai acquistare l’hub di ricarica, che richiede fino a tre batterie e viene fornito nel pacchetto Fly More Combo.

In generale, la qualità costruttiva del Mavic Mini va bene, soprattutto considerando il peso estremamente ridotto. Le cerniere del braccio sono robuste e solide e, sebbene lo sportello della batteria sia un po’ sottile, il resto del corpo si sente rigidamente costruito, molto più del Parrot Anafi altrettanto piuma. È bello anche vedere che DJI fornisce al Mavic Mini un cappuccio di plastica protettivo per coprire il meccanismo della fotocamera.

La minuscola fotocamera dall’aspetto piuttosto delicato è sospesa su supporti in gomma per assorbire le vibrazioni e ha tre assi di stabilizzazione motorizzata, quindi non importa quanto violentemente la stai facendo volare, dovrebbe comunque produrre immagini stabili.

Fin qui tutto bene, ma il Mavic Mini non perde alcune caratteristiche chiave, come risulta da una rapida ispezione fisica della fusoliera. Mentre il drone ha una fotocamera rivolta verso il basso e due sensori sonar per garantire che possa librarsi in un punto senza muoversi, non ci sono sensori rivolti lateralmente, in avanti o all’indietro per evitare di scontrarsi con edifici o alberi durante le azioni automatizzate. Anche il precursore del Mavic Mini, il DJI Spark, aveva sensori rivolti in avanti, quindi questa è un’omissione deludente.

App e controlli di volo

Tuttavia, sotto ogni altro aspetto, il DJI Mavic Mini funziona esattamente come i suoi fratelli più costosi e, a differenza dello Spark, viene fornito di serie con un radiocomando fisico.

Come con il Mavic Air più costoso, questo ha levette rimovibili per permetterti di riporlo più ordinatamente, anche se non ha un display. C’è un indicatore della batteria sotto forma di quattro piccoli LED sparsi nella parte superiore e questo è tutto.

dji mavic mini radiocomando

Tuttavia, non è un grosso problema una volta collegato lo smartphone. Come con altri droni DJI, la maggior parte delle funzionalità avanzate di volo e fotocamera del drone sono accessibili solo tramite l’app, in questo caso DJI Fly, che è disponibile sia su iOS che su Android.

Ti connetti tramite la USB del tuo telefono che lo agganci con il radiocomando inserendolo tra un paio di bracci che si ripiegano dalla parte inferiore del controller. Dopo aver accoppiato il radiocomando con il drone, collegato il telefono e avviato la nuova app DJI Fly, sarai in grado di vedere le immagini in diretta dal drone sullo schermo del telefono e regolare anche le varie impostazioni del drone.

Tutto ciò può sembrare piuttosto complicato e scoraggiante, ma in realtà non lo è. Per il fatto che DJI ha semplificato in modo piuttosto drammatico l’app di accompagnamento aiuta enormemente a gestire il drone. È anche piuttosto bello che DJI fornisca una modalità tutorial per i piloti principianti, che li porta attraverso il decollo, le liste di controllo di sicurezza e i controlli di base passo dopo passo la prima volta che decollano.

mavic mini in volo

Qualità della fotocamera e delle immagini

La fotocamera del DJI Mavic Mini è sorprendentemente sofisticata. Oltre a offrire video incredibilmente fluidi e stabilizzati, la sua qualità d’immagine è molto buona. Tuttavia, non è proprio il passo in avanti rispetto alla qualità del DJI Spark che ci si aspettava.

In effetti, per alcuni aspetti, la fotocamera del Mavic Mini fa un passo indietro. Anche se la risoluzione è la stessa a 12 megapixel, ad esempio, l’apertura è inferiore f/2.8 rispetto allo Spark f/2.6.

Detto questo, il Mavic Mini offre risoluzioni di registrazione video, frame rate e bit rate più elevati rispetto allo Spark. In particolare, dove lo Spark era limitato alla registrazione di 1080p a 30fps a 24Mbit/sec (in formato MP4/H.264), il Mavic Mini è in grado di registrare video fino a 2,7K (2.720 x 1.530) fino a 30fps e una velocità in bit di 40Mbits/sec.

dji mavic mini camera

Se desideri ridurre la risoluzione, puoi scattare a 1080p con una frequenza di fotogrammi più uniforme di 60 fps e ciò che perdi in dettaglio guadagni con la fluidità complessiva del filmato.

La qualità è quella che ti aspetteresti da una fotocamera con un sensore da 1/2,3 pollici: abbastanza decente senza essere sorprendente. Le esposizioni sono generalmente ben valutate, anche in situazioni difficili che riprendono soggetti in controluce e la riproduzione dei colori è eccellente. Il bit rate limitato di 40 Mb/sec diventa evidente, tuttavia, quando si osserva un po’ più da vicino. Nelle clip anche se ci sono chiaramente più dettagli e una migliore riproduzione dei colori rispetto al filmato di 1080p dello Spark, puoi vedere una perdita di trama, ad esempio, nelle distese di erba verde, dove la compressione spalma i dettagli più fini.

In volo

Volare con il Mavic Mini è, come di solito accade con i droni di DJI, un’esperienza perfettamente piacevole. Decolla e gira intorno esattamente come ti aspetteresti, rispondendo agli input degli stick senza ritardi evidenti e, se lo lasci sospeso sul posto, rimane fermo. Le funzioni di sicurezza basate su GPS significano che non puoi decollare in aree riservate ed è un gioco da ragazzi impostare l’altitudine, i limiti di distanza e l’altitudine di ritorno al punto di partenza, basta toccare “Decollo consentito” nell’angolo in alto a sinistra e regolare i cursori .

E, mentre il Mavic Mini è più facilmente disturbato dai venti leggeri rispetto al Mavic Air o al Mavic Pro, comprensibile dato il suo peso straordinariamente leggero, il filmato rimane straordinariamente stabile, soprattutto se usi la nuova modalità di volo Cinematic di DJI. In questa modalità, le virate improvvise e la frenata vengono rallentate, garantendo che il filmato rimanga privo di scatti, anche se non sembra reattivo volare in questa modalità.

Se vuoi portare il drone in una determinata posizione velocemente, però, è meglio usare una delle altre modalità di volo del drone. Lo sport è il più reattivo e sblocca la massima velocità del Mavic Mini. In modalità Posizione il drone è ancora reattivo ma non accelera come un Roadrunner disperso nell’aria al minimo tocco delle levette.

Forse l’aspetto più impressionante del Mavic Mini, tuttavia, è il suo tempo di volo. Nonostante le sue dimensioni, la batteria del DJI Mavic Mini fornisce 2.400 mAh da 8,7 V con una durata fino a 30 minuti per ricarica in un giorno tranquillo. È notevolmente più lungo rispetto al Mavic Air a 21 minuti e al Parrot Bebop 2 a 25 minuti, e alla pari con il Mavic 2 Zoom/Pro molto più costosi, che volano per 31 minuti. In breve, è anche quasi il doppio del tempo di volo di 16 minuti dell’ormai defunto DJI Spark.

Dove il Mavic Mini si blocca un po’ è nelle sue modalità di fotocamera e opzioni di tracciamento, che sono limitate rispetto ai precedenti droni DJI. Non esiste una modalità hyperlapse: semplicemente non è possibile replicare tale funzionalità con gli strumenti disponibili sul Mini. È anche un po’ fastidioso che le modalità panoramiche multi-frame di Mavic Air e Pro non siano state incluse, anche se forse DJI era preoccupato che la leggerezza del Mini le avrebbe rese un po’ troppo complicate per poter essere realizzate con affidabilità. Non esiste inoltre una modalità follow-me basata su videocamera, che deluderà i fan degli sport estremi.

Il Mavic Mini, tuttavia, ha alcune delle modalità automatiche Quick Shot di DJI per aiutarti a creare scatti più creativi senza dover essere un pilota esperto. La modalità Rocket permette al drone di volare dritto fino a un’altitudine preimpostata, con la fotocamera che ti tiene al centro dell’inquadratura. Scegli la modalità Cerchio e il drone volerà intorno a te in un cerchio regolare, mantenendoti di nuovo in posizione centrale e anteriore; imposti la distanza nell’app o semplicemente fai volare il drone alla distanza desiderata, tocca l’oggetto che vuoi volare intorno e premi Start.

Se selezioni la modalità Dronie, Mavic Mini vola indietro e lontano da te salendo verso il cielo mentre lo fa, mentre con Helix vola in un modello a cavatappi intorno a te con un raggio sempre più ampio. Fai attenzione con questa modalità, perché anche se hai impostato il raggio più piccolo, hai bisogno di molto spazio per renderlo utilizzabile.

Verdetto

Per un drone così piccolo e leggero, il DJI Mavic Mini offre grandi risultati. È in grado di girare video dettagliati e ricchi di colore, è reattivo e prevedibile in volo e la batteria dura a lungo. Inoltre, è abbastanza leggero da entrare sotto la soglia legislativa per la registrazione dei droni.

Certo, il Mavic Mini è limitato in qualche modo. Se vuoi catturare il panorama aereo finale o il film hyperlapse, dovrai invece considerare l’acquisto di un Mavic Air o Mavic 2 Zoom o Pro. Ma come drone che puoi portare ovunque, e riporlo praticamente in qualsiasi borsa, è imbattibile.