DJI Mavic 2 Zoom e Pro nelle riprese sportive

DJI Mavic 2 Pro e Zoom

Se siete alla ricerca di un drone che possa riprendervi dall’alto mentre praticate una attività sportiva è qualcosa di completamente diverso da un drone per riprese cinematografiche di paesaggi sconfinati. Avete bisogno di un drone che sia in grado di inquadrare voi stessi in quei paesaggi epici, il tutto senza assistenza esterna e idealmente ad un livello di alta qualità.

Per questo, avrete bisogno di un drone che vi possa effettivamente rintracciare. Semplicemente non potete guidare la vostra bici giù per una discesa ripida a tutta velocità mentre controllate anche la posizione del drone e dove punta la sua telecamera.

Lo scorso agosto DJI ha lanciato la serie DJI Mavic 2. Certo, ha unsacco di funzioni cinematografiche fantastiche, tra cui una Hasselblad e l’opzione di zoom. Ma soprattutto la serie DJI Mavic 2 è dotata di Active Track 2.0. Questa sarebbe la tecnologia di tracciamento aggiornata di DJI che ha lo scopo di pilotare autonomamente il drone e tracciarti facendo cose interessanti.

Precedentemente Active Track (1.0) era meno che eccezionale per gli sport in rapido movimento. Certo, potrebbe funzionare in scenari molto limitati. Ma molto spesso lo perdi. Oppure ti perderebbe.

Questa recensione è fortemente inclinata verso lo sport e gli utilizzi specifici del drone in questo campo.

Cosa c’è di nuovo

La prima cosa da capire sul DJI Mavic 2 è che si tratta fondamentalmente di un drone con due configurazioni di fotocamere estremamente diverse. C’è il DJI Mavic 2 Pro e lo Zoom, con gli scopi di ciascuno esattamente come suggerisce il nome. Il Mavic 2 Pro include un sensore CMOS da1 pollice con marchio Hasselblad a F2.8, mentre la versione Mavic 2 Zoom include uno zoom ottico da 24-48 mm (più 2X digitale a 1080p). Sfortunatamente,non è possibile scambiare le fotocamere facilmente tra di loro se non attraverso un apposito servizio a pagamento fornito da DJI. Sono disponibili online diversi tutorial per effettuare da soli lo scambio ma a scapito della garanzia che viene invalidata.

Entriamo subito nel merito con una lista di funzionalità che abbiamo raccolto insieme che sono nuove/notevoli nella serie DJI Mavic 2 inparticolare. Abbiamo elencato quelle che sono della versione Mavic 2 Pro contro Mavic 2 Zoom (se applicabile):

Solo Mavic 2 Pro: nuovo sensore Hasselblad: 1 pollice CMOS F/2,8-11 con Hasselblad Color Science

Solo Mavic 2 Pro: consente il ​​DLOG-M a 10 bit in video (4x su Mavic Pro) con 100 MB di bitrate

Solo Mavic 2 Pro: nuova capacità di acquisire video HDR tramite HLG Color Profile (10 bit)

Solo Mavic 2 Zoom: dispone di un nuovo zoom ottico 24-48 mm, oltre a zoom digitale 2x per la modalità 1080p (non disponibile in modalità 4K)

Solo Mavic 2 Zoom: nuove foto panoramiche da 48 MP realizzate ora sul drone stesso (non tramite l’app). Notevolmente diverso daprima dato che ora si sta utilizzando un obiettivo zoom per aumentare la risoluzione

Solo Mavic 2 Zoom: ha un nuovo Dolly Zoom movimento/effetto (combinazione di un movimento del drone con cambio automatico dello zoom)

Mavic 2 Pro/Zoom: primo prodotto DJI per utilizzare la registrazione H.265. In realtà, il video HDR lo richiede (e 10 bit).

Mavic 2 Pro/Zoom: la risoluzione è limitata a 4K/30, e non a 4K/60 – che è una delusione dato che le unità Phantom 4 più vecchie fanno video 4K/60

Mavic 2 Pro/Zoom: nuova modalità Hyperlapse: è possibile volare in 4 modi: Free, Circle, Course Lock, Waypoint e, successivamente,quest’anno una nuova libreria di task salvata.

Mavic 2 Pro/Zoom: nuovo HDR migliorato: consente 13 stop sullo Zoom e 14 stop di portata sul Pro

Mavic 2 Pro/Zoom: nuova opzione Hyperlight: è mirata al crepuscolo/condizioni più scure per ottenere riprese più pulite

Mavic 2 Pro/Zoom: nuova luce a LED sul fondo dell’unità per facilitare lo spotting da terra (può essere impostato su on/off/auto)

Mavic 2 Pro/Zoom: nuova distanza in streaming a 1080p a 5 miglia (vs 1.25 miglia in precedenza)

Mavic 2 Pro/Zoom: nuovo trasferimento automatico delle risoluzioni delle foto originali durante il volo (in precedenza solo le risoluzioni sui social media)

Mavic 2 Pro/Zoom: tempo di volo leggermente aumentato, fino a 31 minuti dichiarati (circa 27-29 minuti reali)

Mavic 2 Pro/Zoom: velocità massima leggermente maggiore, da 40 MPH su Mavic Pro a 44,7 MPH su Mavic 2

Mavic 2 Pro/Zoom: entrambi hanno 8 GB di memoria integrata (Mavic Pro non ne ha), entrambi supportano solo schede da 128 GB

Mavic 2 Pro/Zoom: entrambi ora hanno sensori ottici per evitare gli ostacoli quasi a 360 gradi, compreso il verso l’alto di fronte

Mavic 2 Pro/Zoom: entrambi hanno ora introdotto ActiveTrack 2.0, che è significativamente migliore rispetto alle versioni precedenti

Mavic 2 Pro/Zoom: non esiste una versione Combo come prima, ora esiste un Combo Kit separato di soli accessori

E infine, il Mavic 2 Pro è più costoso del Mavic 2 Zoom ed entrambi sono abbastanza più costosi della precedente versione Mavic Pro.

Dal punto di vista del drone e della batteria/prestazioni, entrambi sono identici. Entrambi ottengono circa 25-30 minuti di autonomia della batteria, ed entrambi possono raggiungere velocità di 44 MPH. Entrambi hanno dei sensori di prossimità aggiuntivi su di essi per evitare di urtare degli ostacoli mentre volano, soprattutto nella parte superiore e posteriore, dove mancavano nella versione Mavic Pro precedente. I sensori superiori sono importanti perché impediscono al vostro drone di volare verso gli alberi. Storicamente parlando è il principale motivo di crash durante gli scenari di ritorno al punto base (Return-To-Home).

Sotto puoi vedere i sensori rivolti verso il basso (a sinistra, capovolti sottosopra), e poi i sensori rivolti verso l’alto (drone destro, verso il retro).

DJI Mavic 2 Sensori

Entrambe le unità DJI Mavic 2 utilizzano esattamente le stesse batterie, che come quasi tutti i droni DJI non corrispondono a nessun altro drone o ai loro predecessori (ad eccezione della serie Phantom che è in gran parte riuscita a mantenere le stesse batterie per una o due generazioni ciascuna). Le batterie possono essere caricate utilizzando l’adattatore di ricarica fornito in dotazione oppure, se si utilizza il pacchetto Fly More Kit, include una stazione di ricarica multi-batteria. Nota che DJI si è sbarazzato della versione combo di drone + accessori extra questa volta. Invece, acquisti separatamente i combo kit.

Tuttavia, le DJI Combo (Fly MoreKits) sono il caso singolare nel settore della tecnologia sportiva in cui in realtà se ne raccomanda l’acquisto. Avere batterie aggiuntive è la chiave per le riprese con il drone. Niente è più frustrante dell’esaurimento delle batterie. Pur avendo 25-30 minuti di tempo di volo che è in realtà una grande capacità di ripresa, troverai comunque casi in cui desideri avere più di una singola batteria. Il pacchetto combo viene fornito con 2 batterie aggiuntive (il drone stesso viene fornito con una).

DJI Mavic 2 include un nuovo radiocomando, anche se è abbastanza simile fisicamente ai precedenti radiocomandi DJI. In realtà ci sono delle differenze, ad esempio, il nuovo radiocomando ora esegue uno streaming live 1080p del segnale fino a 5 miglia, rispetto a solo 1,25 miglia in precedenza. Inoltre, il nuovo radiocomando ora scaricherà automaticamente le foto a piena risoluzione sul tuo telefono in tempo reale, anziché scaricarle successivamente (in precedenza venivano scaricate soltanto le versioni a risoluzione inferiore).

Il radiocomando include joystick rimovibili, che possono aiutare a proteggerlo quando lo riponi in profondità nella borsa senza alcuna protezione.

DJI Mavic 2 Radiocomando

Purtroppo però non è ancora possibile scaricare in modalità wireless una copia 4K del video, anche dopo che il drone è a terra. I video 4K devono essere trasferiti tramite scheda o cavo USB. E non puoi nemmeno scaricare una copia 1080p a risoluzione intera dalla versione 4K (il che significa che non transcodifica una copia per te).

Perché dovresti farlo se trasmette una copia 1080p in tempo reale? Bene, quella copia 1080p può essere soggetta a problemi di segnale/interferenza,quindi di solito non è una variante perfetta rispetto a quella registrata sulla scheda microSD nel drone (o sugli 8GB di memoria interna). Idealmente DJI ti permetterebbe di scaricare in seguito una copia transcodificata a 1080p. È utile quando non sei vicino a un computer per scaricare la variante 4K completa.

Successivamente, si noti che, a differenza di quasi tutti i prodotti DJI precedenti, il DJI Mavic 2 è una delle prime unità che NON consente di utilizzare lo smartphone da solo per controllarlo. Significa che devi prendere e usare il radiocomando. I prodotti DJI precedenti ti hanno permesso di utilizzare lo smartphone o il radiocomando. Questo è stato utile per i casi in cui non era necessaria l’intera portata del radiocomando e si stava bene con la limitazione di 100 metri del segnale dello smartphone. Era anche ideale per le configurazioni di tracciamento nelle riprese sportive,poiché non era necessario capire dove/come montare il radiocomando.

La ragione di ciò è uno cambiamento nel segnale del radiocomando. DJI ha sempre avuto un doppio canale sul drone, e in definitiva si tratta di una riduzione significativa di una funzione per coloro che desiderano fare sport (o semplicemente viaggiare un po’ più leggeri).

Leave a Reply