Ammira 1.824 droni illuminare il cielo alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Tokyo

Finalmente, dopo un anno di ritardo, le Olimpiadi di Tokyo 2020 sono iniziate, anche se all’ombra del COVID-19. La cerimonia di apertura di oggi allo Stadio Olimpico da 1,5 miliardi di dollari è stata una stravaganza sia celebrativa che sommessa. Ma la nostra parte preferita è arrivata proprio verso la fine, quando più di 1.800 droni hanno preso il volo per formare un globo sopra lo stadio mentre artisti provenienti da cinque continenti hanno cantato Imagine.

Spettacoli di droni per la vittoria

Un’ottima alternativa ai fuochi d’artificio, gli spettacoli di luci dei droni possono davvero alzare il livello con centinaia di robot dotati di luce che volano nel cielo in formazione, creando forme, oggetti, parole e qualsiasi altra cosa tu possa pensare.

Lo spettacolare display dei droni di cui stiamo discutendo è stato programmato da Intel, che per primo ha portato i droni alle Olimpiadi invernali del 2018.

Alle Olimpiadi di Tokyo, lo spettacolo di droni è avvenuto sullo sfondo degli artisti Angélique Kidjo, Alejandro Sanz, John Legend, Keith Urban e del Suginami Children’s Choir che hanno riunito tutti e cinque i continenti durante la cerimonia di apertura. Centinaia di milioni di persone che guardavano i Giochi Olimpici di Tokyo 2020 sono state contemporaneamente trattate con un’emozionante performance di Imagine, scritta da John Lennon e Yoko Ono, e un altrettanto potente spettacolo di droni che incarnava il tema “United by Emotion”.

Ecco una visione più ravvicinata dello spettacolo di droni, a partire da 1:29:

Per l’esperto di social media Lance Ulanoff, questi droni erano proprio ciò di cui aveva bisogno per “credere” di nuovo alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Ulanoff osserva in un emozionante post sul blog:

La telecamera si è spostata verso il cielo e c’erano 1.824 droni, che inizialmente volavano in quella che sembrava un’enorme configurazione sferica di blocchi. Le forme continuavano a ruotare e a spostarsi l’una contro l’altra, e alcune diventavano di un blu brillante. Mentre guardavo, paralizzato, i droni si configuravano in un Pianeta Terra che ruotava dolcemente. Era mozzafiato. Tutti gli occhi puntarono verso il cielo mentre la terra dei droni ruotava in alto sopra lo stadio. Ho ripreso fiato e ho capito che ero commosso. Mi stavano facendo credere di nuovo nelle Olimpiadi.

Collegamento speciale delle Olimpiadi con “Imagine”

Nel frattempo, la canzone che è stata eseguita insieme allo straordinario spettacolo di droni ha un significato speciale nella storia delle Olimpiadi.

Il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) ha lavorato con il famoso compositore Hans Zimmer per portare gli spettatori in un viaggio musicale intorno al mondo. Partendo dallo Stadio Olimpico di Tokyo, il Suginami Children’s Choir, che rappresenta l’Asia, ha passato il testimone agli artisti provenienti da Africa, Europa, Americhe e Oceania, che si sono uniti a distanza. Sono stati supportati dalla musica di TAIKOPROJECT e della Synchron Stage Orchestra e Stage Choir.

Per inciso, questa non è la prima volta che vediamo Imagine alle Olimpiadi – e c’è una ragione per questo. Come sottolinea il presidente del CIO Thomas Bach:

Questa canzone riflette i valori che i Giochi Olimpici rappresentano. È un appello alla pace e alla fratellanza, all’unità e alla solidarietà. Possiamo solo andare più veloci, possiamo solo puntare più in alto, possiamo diventare più forti solo se restiamo uniti, in solidarietà.

Artisti, tra cui Stevie Wonder (Atlanta 1996), Peter Gabriel (Torino 2006), il coro di bambini inglesi (Londra 2012) e le star del K-Pop Ha Hyun-woo, Jeon In-kwon, Lee Eun-mi e Ahn Ji- giovani (PyeongChang 2018), hanno cantato Imagine alle cerimonie olimpiche. Queste apparizioni hanno gettato le basi per una connessione naturale tra la canzone iconica e i Giochi Olimpici.

Related Posts

Leave a Reply