3 tendenze che guidano l’industria dei droni fino al 2020

dji_matrice_300

Il 2020 è stato un anno difficile, ma le cose stanno per diventare interessanti per l’industria dei droni. Mentre la prima metà del 2020 è stata dominata dalla risposta alla pandemia COVID-19, la seconda metà del 2020 è segnata da una rinnovata concorrenza hardware e da imminenti modifiche normative.

Vogliamo evidenziare le principali tendenze del settore dei droni del 2020 a cui prestare attenzione e le domande che dovremmo fare tutti. Infine, forniremo informazioni sulla roadmap di ricerca di DroneAnalyst e su come tracceremo questi argomenti.

1. L’aumento della concorrenza hardware segnala un cambiamento del mercato

I dati dei precedenti rapporti annuali di settore del mercato hanno dimostrato che l’industria dei droni commerciali ha per lo più seguito la strada di quella dei consumatori: il dominio di DJI. Tuttavia, gli sforzi del 2019 del governo degli Stati Uniti (in particolare del DoD) stanno tentando di interrompere questa tendenza e aumentare la concorrenza.

Negli ultimi mesi abbiamo visto il drone X2 di Skydio, l’ANAFI USA di Parrot, Golden Eagle di Teal Drones, l’IF1200 di Inspired Flight e il Vesper di Vantage Robotics – e l’elenco potrebbe continuare.

Tutti questi prodotti (ad eccezione dell’IF1200) occupano lo stesso piccolo fattore di forma con un doppio sistema di imaging termico e visivo (per la gioia di FLIR). Inoltre, ogni azienda specifica, in un modo o nell’altro, il proprio desiderio di soddisfare le esigenze del DoD.

Tuttavia, la concorrenza si sta anche surriscaldando in modo più ampio in tutto il settore. Auterion, una società svizzera fondata dal team dietro il controller di volo Pixhawk, si è spostata ulteriormente nell’hardware e ora alimenta 6 diversi modelli di droni. Infine, la cinese Autel ha introdotto l’Autel Evo 2 Dual come concorrente del Mavic 2 Enterprise Dual di DJI.

Nonostante questa crescita, l’unica azienda con un catalogo di prodotti che compete con DJI in tutte le applicazioni di imaging dei droni è Auterion. Il modo in cui queste aziende di droni si diversificano attraverso la loro prossima generazione di prodotti aumenterà ulteriormente la concorrenza e potenzialmente eroderà la quota di mercato di DJI.

Poiché il mercato si diversifica allontanandosi dall’hardware DJI, dobbiamo tenere d’occhio l’impatto che ciò avrà sul resto del settore. Cosa succederà ai rivenditori di droni locali quando questi nuovi giocatori passeranno dal modello di distribuzione di DJI a una vendita diretta o un approccio ibrido? E cosa accadrà ai mercati del software e dei servizi man mano che il mercato dell’hardware diventa sempre più diversificato?

2. Aumento delle tensioni globali e spostamento verso il duplice uso

Mentre il 2019 ha visto l’industria dei droni salire in prima linea nella guerra commerciale USA-Cina, il 2020 ha visto molta meno attenzione. Tuttavia, non ci aspettiamo che l’industria dei droni sarà fuori dall’attenzione del pubblico e con i responsabili politici che guidano le discussioni ci sono probabili impatti sui comportamenti di acquisto e sui risultati delle politiche.

Come esempio della retorica che ci si aspetta con l’avanzare delle elezioni, il programma di donazioni COVID-19 di DJI ha causato speculazioni su una strategia cinese “cavallo di Troia”. Sebbene non ci siano prove di queste affermazioni, è un promemoria per il settore di aspettarsi l’imprevisto nei prossimi mesi.

La lotta per il potere globale è già stata un elemento chiave nel guidare la nostra prima tendenza verso una maggiore concorrenza, e sta anche spingendo l’industria a sviluppare e commercializzare sempre più prodotti per “duplice uso”, vale a dire per scopi sia pacifici che militari.

Mentre l’uso dei droni da parte dei militari non è una novità – i droni sono stati acquistati da anni come prodotti consumer-off-the-shelf (COTS) dai militari – c’è una marcata differenza nell’intento dichiarato delle aziende di droni che ora sviluppano direttamente per applicazioni militari.

Ciò non significa che avremo un quadricottero con cannone per payload venduto al Wal-Mart in poco tempo, ma aumenta la posta in gioco di qualsiasi “guerra commerciale di droni” che potrebbe verificarsi quando si iniziano ad allineare più da vicino le priorità militari ed economiche sia per gli Stati Uniti che per il governo cinese.

Questo spingerà la Cina a intraprendere azioni simili? E i produttori cinesi, che in precedenza hanno evitato di commercializzare e vendere ai militari (almeno pubblicamente), saranno costretti in una direzione simile?

3. Migliorare l’autonomia e cambiare le normative

Infine, stiamo vedendo la tecnologia dei droni raggiungere un livello di automazione che tutti abbiamo sognato. Il drone-in-a-box sembra essere proprio dietro l’angolo, con le prove dello Skydio Dock che si dice siano là fuori a testare sul mercato.

Anche se questo avrà un impatto drammatico sui giocatori di software e servizi, la domanda più ovvia è come funzioneranno le normative su questa tecnologia?

La risposta è attualmente poco chiara. E guardare al settore più vicino per ottenere informazioni dettagliate – le auto autonome – non porta speranza poiché la legislazione è in fase di stallo, con la maggior parte delle regioni che consente solo di testare ma non il pieno dispiegamento di flotte autonome.

Per i droni, la traiettoria è stata generalmente quella di limitarne prima l’uso a scenari a basso rischio e di ridimensionarli man mano che le operazioni diventano sufficientemente mature. Possiamo vedere la FAA farlo attraverso il suo processo di esenzione per i voli notturni, al di sopra delle persone, BVLOS e altro, e le normative europee EASA stanno facendo lo stesso classificando i voli nelle categorie Open, Specific e U-Space.

Questo grafico mostra il concetto della NASA per un sistema UTM e il tipo di operazioni che collegherà.

Tuttavia, questi regolamenti si basano su voli con equipaggio o sull’avere qualcuno che controlla un volo automatizzato. I regolatori stanno cercando di implementare un sistema UTM (UAS traffic management) per gestire l’aumento del traffico nello spazio aereo derivante dai droni e questo sistema è probabilmente un prerequisito per l’industria per passare a voli completamente autonomi su larga scala.

Il primo passo per costruire un UTM è impostare regole e un metodo per identificare e comunicare i droni, comunemente noto come ID remoto. La FAA ha emesso un NPRM (avviso di proposta di regolamentazione) intorno a Remote ID all’inizio di quest’anno, con un aggiornamento previsto verso la fine di quest’anno.

Piccole modifiche alle regole dell’ID remoto, come la modifica delle operazioni da collegare in rete o le modifiche ai requisiti hardware, avranno significative ramificazioni sui tipi di prodotti e servizi che sono praticabili sul mercato. Ciò ha già portato a preoccupazioni che i regolamenti minaccino la comunità degli hobbisti da cui è sorta l’industria dei droni commerciali.

Qual’è la posta in gioco?

Alla base di tutte le tendenze dell’industria dei droni del 2020 c’è la comprensione della posta in gioco, o la sua mancanza. Cosa succede se le nuove normative sull’ID remoto spaventano il mercato degli hobbisti o influenzano l’uso dei droni da parte delle piccole imprese? I modelli di business di Auterion e Skydio rispondono alle esigenze delle imprese e quale sarà l’impatto su servizi, distribuzione e attori del software?

C’è ancora molto che non sappiamo e non vediamo l’ora di scoprire modi per misurare l’impatto di questi cambiamenti radicali. Queste tendenze cambieranno la struttura del mercato dei droni e non possiamo più fare affidamento su semplici previsioni e modelli di crescita per guidarci.

Quindi preparati per un anno frenetico e vai alla nostra homepage per iscriverti per essere aggiornato sulle ultime novità nel settore dei droni.