Non comprare prodotti DJI dal mercato grigio

dji_mavic_pro

Lo scorso anno il Mavic Pro di DJI ha conosciuto un vero picco di popolarità, tanto che la domanda ha sorpassato di gran lunga l’offerta e i pezzi erano veramente difficili da reperire. Abbiamo notato una cosa molto strana: sul popolare sito di annunci Kijiji è apparso un annuncio che prometteva un numero limitato del sospirato drone ripieghevole della DJI per un prezzo incredibilmente basso, 1500 euro senza tasse.

C’erano circa una dozzina di pezzi disponibili e sono spariti in un batter d’occhio.

Bell’affare, vero?

Tutti quanti avranno pensato che si trattasse di un vero affare. Un modo veramente semplice per saltare la coda e ottenere subito un pezzo molto richiesto a un prezzo veramente competitivo. Ma non è tutto oro ciò che luccica: i prodotti facevano parte del cosiddetto mercato grigio, che vuol dire che erano stati comprati privatamente da un singolo o da un’azienda e rivenduti senza l’autorizzazione di DJI.

Questo fatto può comportare tutta una serie di problemi, come spiega Kevin On, il delegato alla comunicazione di DJI in Asia.

“Quando i clienti comprano prodotti DJI nel mercato grigio, non è assicurato che i pezzi rispettino gli standard di sicurezza locali e regionali. E questo può comportare un serio rischio per gli utenti stessi” spiega Kevin. “Per esempio, prodotti comprati illegalmente dalla Cina all’Australia non avranno le specifiche di sicurezza richieste dall’Autorità di Sicurezza dell’Aviazione civile australiana. È un vero pericolo per chi adopera un prodotto senza tale autorizzazione!”.

Addirittura, siamo venuti a conoscenza di casi ancora peggiori. Per esempio, sono stati venduti sul mercato grigio dei prodotti DJI che erano stati pensati per una parte del mondo completamente diversa. Ciò ha comportato che alcune specifiche, come la forma della presa o del caricabatterie, differissero nel paese di arrivo. Non si tratta solo di scomodità, ma di un vero e proprio rischio legato alla sicurezza.

Un problema maggiore: il supporto tecnico

Forse è questo il problema più grosso: se compri un prodotto DJI dal mercato grigio, non è sicuro che potrai assicurarti il supporto tecnico dell’azienda. Kevin ha assistito a casi in cui un oggetto coperto da una garanzia non poteva essere preso in consegna, perché veniva da una parte del mondo completamente diversa. In un esempio, ha condiviso con noi la storia di un cliente che aveva comprato un prodotto DJI nuovo su eBay. Dopo quattro mesi, a seguito di un problema tecnico, il rivenditore non autorizzato di eBay si è rifiutati di offrire alcun tipo di supporto.

Come pensate che sia andata a finire?

“Il rivenditore l’ha ridiretto al centro DJI locale per ottenere un preventivo e si offerto di pagarne solo una piccola percentuale. Comprando il prodotto da un rivenditore autorizzato da DJI o sullo store online DJI, si sarebbe evitato di certo il costo di riparazione, vista l’esistenza della garanzia sul prodotto”.

Invece, il cliente non ha avuto altra scelta che pagare per la riparazione.

Un problema in crescita

Il mercato grigio è parallelo al mercato autorizzato, quindi non ti sorprenderà che segua le medesime regole di richiesta e di offerta. In un settore dove la domanda cresce di anno in anno, il mercato grigio si espande naturalmente. Kevin ha detto che ciò si sta trasformando in un problema serio in Malaysia, Australia e addirittura nel Nord America. Praticamente, tanto più crescono le domande di prodotti DJI (e stanno crescendo incredibilmente), tanto più il mercato grigio si attrezzerà per fornire un’offerta. E l’offerta non è qualitativamente valida.

“Ecco perché i consumatori devono essere al corrente dei rischi che incorrono rivolgendosi al mercato grigio”, dice Kevin.

Problemi con il servizio DJI

dji_assistenza

Uno dei punti deboli di DJI durante i primi anni della sua esistenza, è stato il servizio. Molti clienti si lamentavano che fosse incredibilmente lento. C’erano lunghe code per riparazioni e spedizioni e il supporto online non era esattamente una meraviglia. Poi c’erano un sacco di altri problemi che facevano perdere le staffe anche ai clienti più appassionati. Allora, potreste dire, questo è un buon motivo per rivolgersi al mercato grigio, dove i prezzi sono sicuramente più bassi.

In realtà, non è così. Kevin spiega che la debolezza del servizio era un fatto fino a qualche tempo fa, ma DJI ha fatto grandi passi in avanti in questo senso, migliorando la qualità del servizio a vista d’occhio.

“Abbiamo migliorato la velocità e la qualità del nostro servizio riparazioni. Per esempio, in Australia, il 90% dei casi di riparazione possono essere risolti in 5-6 giorni lavorativi, in contrasto con i 15 dell’anno scorso”.

Kevin ribadisce anche che mantenere il ritmo con una crescente gamma di prodotti è un must.

“Siccome il portfolio di DJI continua a crescere, dovremo coprire una base più vasta di consumatori e continuare a esplorare approcci differenti per andare incontro ai bisogni di tutti”.

Uno di questi approcci, soprattutto per i piloti principianti, è il programma Refresh Care di DJI. Pagando una piccola tassa extra, i clienti possono ottenere fino a due pezzi di ricambio durante i 12 mesi in cui la Care Refresh di DJ è attiva.

dji_care_refresh

Tempo fa, un nostro amico ha appoggiato un nostro amico ha fatto impigliare il suo Mavic Pro nuovo di zecca sulla cima di un albero. Quando finalmente è riuscito a raggiungerlo, il Mavic Pro è scivolato e si è schiantato al suolo. Lo stabilizzatore e la fotocamera non funzionavano più ed era solo colpa sua.

Mi chiese cosa fare. Gli dissi di mandarlo in California presso le strutture di DJI. La scorsa settimana gli ho chiesto come fosse andata.

“Benissimo!”. Ha detto che DJI ha riparato l’apparecchio in uno o due giorni e l’ha mandato indietro all’istante. Funziona perfettamente e i suoi costi di riparazione sono stati intorno agli 80 euro.

“Un’esperienza veramente professionale e costruttiva”.

Attenzione, consumatore!

Un’altra cosa a cui prestare attenzione: quei prodotti che sembrano essere fatti da DJI, ma non lo sono. Non stiamo parlando solo di cloni di droni, ma anche di accessori che sembrano quelli veri. Alcune copie di batterie, per dirne una, hanno apparenze simili, compresi l’involucro e i colori. Di solito costano di meno dei prodotti DJI. E, sai cosa? Possono rovinarsi completamente in un giorno solo.

Stai. Molto. Lontano. Risparmiare su un paio di euro non è così bello quando scopri che il tuo drone non funziona più perché hai usato delle batterie sbagliate.

Fonti

Lo capiamo. Tutti amano un buon affare! Ma un consumatore informato fa delle scelte più sagge. Per favore, per il tuo bene, compra solo da fonti autorizzate, incluso il nostro DJI Store. È anche per il bene della rete di lavoratori; se compri da un rivenditore non autorizzato, non stai ripagando i lavoratori degli sforzi che hanno compiuto per farti avere i droni migliori della gamma.

Kevin ha messo insieme alcune fonti, che copieremo qui sotto.

“Abbiamo un insieme dettagliato di garanzie e servizi di polizze per i nostri prodotti sul nostro sito che vi incoraggiamo a leggere. Abbiamo anche supporto dopo la vendita nei nostri migliori negozi e forniamo un servizio di chat live con il nostro staff.

Un ultimo pensiero di Kevin?

“Siccome la sicurezza di volo e l’affidabilità del prodotto sono le nostre priorità, c’è bisogno di istruire il cliente, specialmente ora che i nostri prodotti diventano accessibili a molte persone, molte dei quali usano i droni per la prima volta. Vogliamo rendere l’esperienza del drone divertente, facile e, soprattutto, sicura per tutti. Sto parlando sia di chi opera con i droni e sia di chi sta a loro vicino, sia sulla terra che nell’aria”.

Leave a Reply