Nella lotta europea contro COVID-19, i droni affrontano la sfida

droni_dji_covid

Il 14 marzo 2020, la città di Wuhan, in Cina, ha compiuto un passo monumentale nella lotta contro COVID-19 chiudendo l’ultimo ospedale temporaneo costruito per curare i pazienti con virus. Nei giorni seguenti, anche le autorità locali hanno iniziato a rimuovere i checkpoint e ad allentare le restrizioni sul blocco senza precedenti che alla fine è durato 76 giorni.

Un blocco di 11 settimane dovrebbe indicare quanto sia stata immensa la battaglia della Cina contro COVID-19. Durante questa lotta, l’uso della tecnologia dei droni è stata una risorsa di grande valore per i funzionari cinesi di pubblica sicurezza. Questi strumenti aerei sono stati usati per trasmettere informazioni pubbliche e per disperdere riunioni, misurare la temperatura corporea dei cittadini e molto altro.

Condivisione di approfondimenti ed esperienze dalla comunità globale

Poiché i tassi di infezione e il numero di decessi continuano ad aumentare in tutta Europa, le autorità hanno replicato alcune delle misure di pubblica sicurezza adottate in Cina. Insieme a una serie di blocchi che variano di gravità da regione a regione, la tecnologia dei droni sta giocando un ruolo chiave per i funzionari della pubblica sicurezza in prima linea in Europa.

Man mano che i blocchi diventavano più restrittivi in ​​paesi come l’Italia, la Spagna e la Francia, il Mavic 2 Enterprise si è trasformato in uno strumento comune per le autorità locali che hanno utilizzato la sua portata di trasmissione e altoparlanti per trasmettere messaggi di sicurezza alle persone riunite in luoghi pubblici.

A Torino, ad esempio, il Mavic 2 Enterprise Zoom è stato utilizzato dalla polizia locale per controllare i principali parchi pubblici e piazze per i pedoni. Hanno persino impiegato il Mavic 2 Enterprise Dual, con la sua termocamera, per controllare queste posizioni dopo il tramonto. Il sindaco di Torino, Chiara Appendino, ha trovato questa tecnologia così utile che ha scritto una lettera ringraziando DJI per il loro aiuto nella lotta della città contro il virus.

lettera sindaco torino a dji

“Vorrei estendere i miei più sentiti ringraziamenti alla vostra azienda per l’ottimo supporto e l’aiuto fornito in questo momento cruciale di preoccupazione”, ha dichiarato Appendino nella lettera di ringraziamento a DJI. E ha aggiunto: “L’improvviso scoppio del virus ha cambiato le nostre abitudini e sta ancora colpendo un numero elevato di persone nella nostra città e nella nostra regione. Stiamo prestando particolare attenzione al controllo e alla prevenzione dell’epidemia con tutti i nostri sforzi e stiamo implementando diverse misure per raggiungerlo in modo da poter superare questa crisi il più presto possibile “.

I droni furono anche utilizzati nella città di Nizza, dove Drone 06, una società francese specializzata nella produzione di immagini aeree ad alta definizione, aiutò la polizia a sfruttare le proprie competenze per disperdere le riunioni sulla Promenade des Anglais.

Secondo Jean Baptiste Pietri, direttore associato di Drone 06, “I droni consentono ai professionisti della sicurezza di essere molto reattivi e mobili per coprire grandi aree senza correre rischi o richiedere molte risorse umane”. Pietri ritiene inoltre che la tecnologia dei droni incoraggi le persone a rispettare le misure di quarantena. “La nostra prima missione è quella di informare e avvisare, ma le persone sanno che se non rispettano le regole, saranno individuate rapidamente.”

Dati i risultati positivi delle operazioni di Drone 06 a Nizza, sono stati assegnati ad aiutare in altre aree con un programma ufficiale e una road map che ha permesso loro di lavorare a stretto contatto con la polizia a terra. “Le autorità di polizia erano davvero felici ed entusiaste dell’uso dei droni in questo modo. A livello globale, abbiamo visto reazioni davvero positive da parte delle persone. Hanno capito cosa si sta facendo e come i droni possono aiutare “, ha detto Pietri.

droni dji

La soluzione senza contatto risponde alla sfida chiave per COVID-19

Anche altri paesi in Europa, come Belgio, Austria e Germania, stanno implementando droni per monitorare se le loro popolazioni rispettano i severi blocchi attuati in risposta alla pandemia.

Alcuni innovatori di droni stanno sperimentando altri modi per la tecnologia dei droni per aiutare a combattere il coronavirus. In Italia e in Irlanda, le aziende hanno provato a utilizzare i droni per fornire cibo, medicine e insulina a persone vulnerabili o in località remote senza contatto umano. In Spagna, le autorità hanno provato a utilizzare la termocamera del DJI Mavic 2 Enterprise Dual per misurare la temperatura di persone potenzialmente infette senza richiedere ad altri di avvicinarsi a loro. Sebbene questo uso non sia stato scientificamente studiato o dimostrato di offrire un vantaggio, illustra in modo vivido come i droni possano offrire soluzioni creative a sfide potenzialmente letali.

“I droni hanno già dimostrato di essere uno strumento importante nella lotta globale contro COVID-19 in una varietà di modi, consentendo ai funzionari della pubblica sicurezza di svolgere lavori vitali in modo più efficiente a distanza di sicurezza”, ha affermato Romeo Durscher, Senior Director of Public Safety Integration a DJI. “La polizia e altri primi soccorritori sono in grado di monitorare folle, individuare attività non sicure, trasmettere informazioni e messaggi con altoparlanti dispersi nell’aria e anche rispondere alle loro altre chiamate rimanendo a distanza di sicurezza e liberando personale per altre azioni. DJI è felice di vedere gli usi creativi dei droni, salvavita e che preservano la salute, emergere in tutto il mondo, e sono lieti di aiutare le agenzie di pubblica sicurezza ad adattare i droni a queste sfide senza precedenti “.