I gabbiani hanno attaccato il mio drone! Come posso prevenirlo?

gabbiani attaccano droni

Sia coloro che hanno appena iniziato ad utilizzare un drone che i più esperti con numerosi voli alle spalle, possono imbattersi in questo problema quando volano vicino al mare. Dopo aver decollato potreste capire che non è l’affidabilità della tecnologia di volo di DJI di cui dovete preoccuparvi, ma i maledetti gabbiani. Non è infatti uno scherzo, non si è mai visto un uccello che volesse fare qualcosa di così brutto ad un drone. Di solito si entra nel panico e dopo pochi minuti, tutti passati a manovrare freneticamente gli sticks del radiocomando, si riesce in qualche modo ad evitare di avere un DJI Phantom pieno di acqua salata. Sebbene senza avere il minimo indizio su come evitare o sfuggire ai gabbiani, il drone può essere messo in salvo e recuperato da mani tremanti.

droni e gabbiani

Se desiderate una risposta rapida su cosa fare se vi trovate in ​​una lista nera di un gabbiano, ecco le nostre raccomandazioni. Step 1: Mettete il ​​drone in modalità sport. Step 2: Salite il più velocemente possibile finché non avrete messo una bella distanza tra il vostro drone e il gabbiano. Step 3: Volate verso di voi a quell’altitudine e scendete immediatamente quando il drone è sopra la vostra testa. Nota: potrebbe essere necessario ripetere il passaggio 2 più volte se l’uccello arrabbiato è implacabile.

Perché i gabbiani attaccano i droni?

Se siete stati in spiaggia e vi è capitato di vedere un gabbiano, probabilmente avrete visto altri mille membri coloniali nelle vicinanze. Queste colonie sono molto territoriali, specialmente durante i periodi di nidificazione e lavorano come una squadra per cacciare gli ospiti indesiderati. Sfortunatamente per voi, questi droni che amiamo pilotare, di solito non sono nella lista degli invitati a cena, rendendo prioritario lo sterminio delle nostre macchine volanti prima che si siedano (em… salgano) per mangiare. Sebbene questi uccelli lavorino come una squadra per scongiurare la presenza di qualsiasi intruso, non hanno paura di rubare un pezzo di cibo ai cuccioli di gabbiani, o anche di mangiare le uova dei compagni di gabbiano mentre sono fuori diligentemente in cerca di cibo. Quindi, anche se decidessero che la vostra presenza nel loro territorio non sia una minaccia diretta per la colonia, non stupitevi se vi si avvicinano nella speranza che il vostro drone stia portando qualcosa di commestibile. Queste creature sono molto aggressive e non sono intimidite da un Phantom o Mavic vorticoso.

Come evitare che il vostro drone venga attaccato

Insieme all’aumento dei droni utilizzati da parte dei consumatori e dei professionisti, è arrivata la raffica di video in YouTube che mostrano i popoli possessori di Mavic e Phantom che sono stati attaccati da una varietà di uccelli. Una rapida ricerca su Google mostrerà numerosi post su forum di piloti di droni che descrivono in modo molto dettagliato come il loro Mavic sia stato abbattuto da un uccello in quel fatidico giorno. In risposta a questi post tristi, troverete molti altri piloti che offrono le loro condoglianze e suggerimenti su come evitare futuri attacchi da parte di uccelli. Durante le nostre ricerche ancora dobbiamo trovare una cura assoluta per gli attacchi dei gabbiani, ma abbiamo trovato molti “rimedi casalinghi” con vari gradi di sperimentazione e successo. Ecco alcuni dei consigli che sono stati trovati ed avere una certa validità:

Volate sopra i 30 metri. I gabbiani possono certamente volare sopra i 30 metri, ma tendono a navigare a quote inferiori quando cercano il loro prossimo pasto.

Colori vivaci sul vostro drone (arancione, giallo, ecc.) possono essere trovati sotto forma di skin o degli adesivi con cui potete essere creativi. Dopo aver messo un involucro verde-blu sul nostro Phantom abbiamo notato una diminuzione di interesse da parte dei gabbiani mentre volavamo in spiaggia. Detto questo, di solito non si evita del tutto dall’essere attaccati da un uccello di “Tipo A” che fa passare un brutto momento.

Anche il consiglio di apporre degli adesivi con degli occhi arrabbiati può essere un rimedio valido per spaventare i gabbiani nelle vicinanze.

Posizionate un dispositivo nell’area che emette onde sonore ad alta frequenza. Anche se questo potrebbe non essere pratico se vi trovate in ​​un luogo pubblico o se coprite una vasta area con il vostro drone, potrebbe comunque essere un’opzione e ci sono alcuni di questi dispositivi progettati per fare proprio questo.

Provate a spegnere il sistema di posizionamento visivo del vostro drone (VPS). Alcuni hanno riferito che le onde sonore emesse dai sensori a ultrasuoni possono indurre i gabbiani a credere che un estraneo si trovi nell’area.

Non volate troppo lontano se sapete che i gabbiani si trovano nella zona. Anche volando nelle vicinanze non è sempre facile stimare la distanza tra i gabbiani e il drone con esattezza.

Volate quando fa caldo. Sì, ci rendiamo conto che l’ultima cosa che volete fare è organizzare il vostro programma di volo intorno ad alcuni uccelli fastidiosi in spiaggia, ma nelle calde giornate estive, ne vedrete spesso di più posati all’ombra, piuttosto che in volo.

droni e gabbiani

Cosa fare se siete sotto attacco

Quindi non avete provato nessuno dei suggerimenti sopra menzionati sulla prevenzione degli attacchi da parte dei gabbiani, o lo avete fatto e ne vedete ancora uno che si avvicina al vostro prezioso Mavic mentre il vostro cuore inizia a battere veloce. Allora cosa fate? Panico! No, non fatelo. La cattiva notizia è che il/i gabbiano/i che ha il vostro drone in vista ha un migliaio di ore di volo in più rispetto a voi, quindi quando si tratta di acrobazie in volo vi farà prendere in giro nove volte su dieci. Le buone notizie? Il gabbiano non sta pensando “va bene, è ora di tagliare queste ali d’uccello” … beh… speriamo di no. Probabilmente vogliono solo voi, diamine, fuori dal loro territorio. Tuttavia, avete un netto vantaggio; potete ascendere molto più velocemente di loro. I seguenti sono i passi che abbiamo effettuato quando siamo stati molestati dai gabbiani, e anche se molto vicino, non siamo mai caduti preda di uno di loro.

Mettete il ​​drone in modalità sport. Avrete molto più bisogno della velocità piuttosto che di evitare gli ostacoli durante gli eventi che seguono.

Salite dritto, veloce. Smettete di salire quando avrete una confortevole distanza, forse 30-60 metri.

Fate una deviazione verso la vostra posizione rimanendo all’altitudine in cui siete saliti. Abbiamo provato a scendere nuovamente mentre il drone si dirigeva verso di noi, ma i gabbiani spesso hanno individuato il nostro drone e hanno ripreso l’inseguimento.

Quando il drone è direttamente sopra la vostra testa, scendete il più rapidamente possibile.

E se i gabbiani non si arrendono?

I quattro passaggi sopra elencati hanno funzionato circa il 95% delle volte. A volte, potrebbe capitarvi il gabbiano che sembra avere una vendetta personale contro di voi. Durante un volo, in particolare, potrebbe capitare che i gabbiani si posizionino in modo da non permettervi di far scendere il drone verso di voi. Questo può andare avanti per alcuni minuti e la batteria potrebbe giungere al punto in cui avete urgente bisogno di atterrare. Può essere una mossa azzardata ma in questo caso si può provare a volare più distante e poi a tutta velocità verso di voi. Può funzionare? Beh, sì, ma non fate affidamento sul fatto che i gabbiani non siano in grado di tenere il passo. Dovrete volare a tutta velocità fino a che il drone non si trova nei vostri pressi e poi frenare bruscamente perché rallentare in questo caso non è un’opzione valida.

In conclusione non sembra esserci una soluzione definitiva e valida per tutte le situazioni. Se avete avuto esperienze di questo genere in volo sulle spiagge, lungo le coste e in mare, fateci conoscere come ne siete usciti.

1 Response
  1. Ligurobsidian

    A me è capitato col mio Phantom 3 Professional in Liguria sulla spiaggia di Noli: sono stato attaccato da due gabbiani (ce n’erano molti in volo) ed ero in primavera. Volando alto ho visto che c’era minor attenzione ma poi sono dovuto scendere dopo dieci minuti perché i gabbiani salivano. Due si sono avvicinati molto e lo hanno preso di mira anche quando sono riuscito a farlo atterrare ma hanno continuato prendendo me di mira eseguendo delle picchiate in volo puntando alla mia persona mentre stavo smontando il drone per metterlo nello zaino ed andarmene in fretta e furia. Per fortuna mi è andata bene. In un’altra occasione non ho avuto nessun problema su un’altra spiaggia ma era d’inverno e forse in quel periodo sono meno minacciosi. Col Phantom 4 pro plus Obsidian forse perché è scuro ho avuto problemi con un rapace che ha cominciato a volarci attorno sempre più da vicino così sono sceso rapidamente atterrando subito dopo.

Leave a Reply